Luino | 23 Luglio 2020

Luino, Lega: “L’accordo è stato disatteso dai nostri alleati, ma le porte restano aperte”

Dal capo delegazione del "Carroccio" Davide Cataldo ferma volontà di perseguire un nuovo progetto per la Città. Convergenza forze politiche solo se basata su rispetto

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Clima ancora teso in casa centrodestra a Luino per quanto riguarda le elezioni amministrative di settembre: mentre sabato 25 e venerdì 31 luglio prossimi le due liste a trazione civica – “Proposta per Luino” e “Azione Civica per Luino e Frazioni” – già ufficializzate nelle scorse settimane presenteranno rispettivamente il candidato sindaco e i componenti della squadra, è ancora piuttosto incerto il destino dell’area che ruota in particolare attorno alle due figure di Andrea Pellicini e Alessandro Casali.

Poche settimane fa il sindaco uscente si diceva fiducioso sulla chiusura di un accordo per una lista unica, nonostante gli incontri tra le parti interessate non avessero ancora dato esito positivo, mentre la Lega luinese, a quanto affermato dal capo delegazione del “Carroccio” locale e presidente del consiglio comunale Davide Cataldo in un’intervista rilasciata alla nostra redazione, ha manifestato un certo pessimismo in merito.

Una prima “crepa” che è andata allargandosi – in maniera irreparabile? – proprio all’inizio di questa settimana con l’annuncio della candidatura di Alessandro Casali a primo cittadino e dell’avvio di un dialogo da parte della Lega con la formazione politica di Lombardia Ideale e con un gruppo di personalità civiche che vede come punto di riferimento Andrea Napoli.

Alla rabbia di Pellicini per il mancato rispetto dell’accordo che avrebbe dovuto sancire la nascita della coalizione con cui concorrere per la guida di Palazzo Serbelloni fa ora da contraltare una nuova dichiarazione di Davide Cataldo, capo delegazione locale del “Carroccio”: “La Lega luinese ha sempre privilegiato l’unità del centrodestra e la volontà di unire le forze dell’area per una lista unitaria. Chi sembra non volere questo risultato sono altri che nel corso dei mesi precedenti si sono adoperati nel porre veti su una candidatura, dopo dieci anni di leale collaborazione, come quella di Alessandro Casali, che rappresentava l’unica continuità e la scelta naturale e coerente per il centrodestra del dopo Pellicini”.

“La disponibilità della Lega luinese”, prosegue, “è emersa dai tanti fatti concreti che hanno caratterizzato gli ultimi mesi e su cui la Lega ha relazionato i cittadini fino alla scelta obbligata, da questi inspiegabili e ancora non spiegati veti, di rinunciare al candidato sindaco e ricercare una proposta più ampia da sottoporre agli elettori, l’abbiamo fatto anteponendo l’interesse della Città e avevamo sottoscritto un accordo. Poi inspiegabilmente tale accordo è stato disatteso dai nostri alleati che hanno inizialmente cercato di rimetterne in discussione alcune parti per arrivare poi, davanti alla nostra fermezza nel voler continuare coi patti presi, a proporci dopo ben venti giorni di silenzio assoluto un nuovo accordo completamente diverso e inaccettabile salvo poi ricambiare di nuovo idea per la terza volta e tentare di ritornare al primo accordo. Dopo tutti questi “balletti” a noi incomprensibili abbiamo rifiutato nel rispetto verso il nuovo progetto intrapreso e verso le persone che per esso si sono impegnate”.

“Non ci interessa far parte di queste polemiche, stiamo lavorando ad un progetto ambizioso e innovativo che farà davvero bene alla Città ed ai suoi cittadini, con uomini della società civile luinese che come noi hanno voglia di lavorare a testa bassa e basta.  La nostra porta era, è e rimane aperta ad una convergenza trasparente di tutto il centrodestra unito qualora ci fosse una reale volontà di rispetto delle forze politiche, delle persone, del candidato sindaco e di condivisione del progetto, continuiamo a pensare ai luinesi e a nessun altro”, conclude Cataldo.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127