Milano | 8 Maggio 2019

Tangenti e corruzione in Lombardia, indagato per abuso d’ufficio Attilio Fontana

In meno di 24 ore si stravolge la posizione del Governatore lombardo, da parte lesa a indagato. Nel mirino della procura l'incarico esterno affidato al socio Marsico

Tempo medio di lettura: 1 minuto

Anche il presidente della Lombardia Attilio Fontana, della Lega, è stato inserito nel registro degli indagati nell’inchiesta che ieri ha portato agli arresti o comunque a misure cautelari 43 tra amministratori e imprenditori lombardi, compresi diversi importanti esponenti dei Forza Italia a livello locale e regionale.

Nello specifico, Fontana è indagato per abuso d’ufficio. Secondo i pm, infatti, ci sarebbe stato nei suoi confronti un tentativo di corruzione da parte di Nino Caianiello, ex coordinatore provinciale di Forza Italia a Varese: nella giornata di ieri, la versione ribadita da Fontana in consiglio regionale, era che non avesse percepito il tentativo di corruzione, e per questo non l’avesse nemmeno denunciato.

La tesi dell’accusa, però, oggi, è che Fontana stesse cercando una sistemazione lavorativa per Luca Marsico, suo amico e socio nel suo studio legale, ex consigliere regionale non eletto alla passata corsa del Pirellone nel 2018. “Caianiello – definito spesso sui giornali come un ‘signore dei voti’ all’interno di Forza Italia in Lombardia, e già condannato definitivamente per concussione nel 2017 – gli avrebbe offerto uno scambio: nominare come direttore della Formazione della regione l’attuale direttore generale di AFOL Metropolitana, la grande agenzia che si occupa di formazione e lavoro a Milano e nel suo hinterland; in cambio, AFOL avrebbe assegnato a Marsico consulenze per 80-90mila euro l’anno.

Le intercettazioni rivelano che Fontana avrebbe inizialmente considerato la proposta, per poi informare Caianiello di stare cercando un’alternativa pur spiegando che avrebbe potuto percorrerle entrambe. La Guardia di Finanza, da quanto si apprende, pare abbia acquisito dei documenti che sembrano provare che Fontana avrebbe poi proposto alla giunta regionale di nominare Marsico come membro esterno di un “Nucleo di valutazione degli investimenti pubblici”, incarico che secondo il Corriere gli avrebbe comunque fruttato compensi relativamente contenuti: 11.500 euro l’anno e 180 euro a seduta.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127