EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Tel Aviv | 11 Ottobre 2021

Caso Eitan, due settimane per la sentenza

In israele sono terminate le udienze del processo istruito per fare chiarezza sull'affidamento del piccolo, unico sopravvissuto alla strage del Mottarone

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

La decisione arriverà nell’arco delle prossime due settimane. Queste le tempistiche per l’attesa sentenza con cui il tribunale di Tel Aviv porrà fine alla delicata vicenda familiare in cui si è trovato coinvolto il piccolo Eitan Biran, il bambino di sei anni unico sopravvissuto alla strage della funivia Stresa – Mottarone.

Dopo essere stato portato in Israele dal nonno materno (ora indagato in Italia per sequestro di persona) senza il consenso del tutore legale del piccolo, cioè la zia paterna Aya Biran, la stessa zia ha richiesto al tribunale l’applicazione della Convenzione dell’Aja sulla sottrazione internazionale dei minori, allo scopo di riportare a casa Eitan nel più breve tempo possibile.

L’ultima delle tre udienze in calendario si è svolta durante il fine settimana. In aula sono stati sentiti Gali Peleg – figlia di Shmuel, il nonno di Eitan finito sotto inchiesta – e un avvocato esperto di diritto italiano. La famiglia Peleg ha messo in discussione la legittimità dell’affidamento di Eitan, lamentando inoltre il fatto di non essere stata coinvolta nella procedura, e rivendicando la tesi secondo cui Israele sarebbe il luogo ideale per la crescita del bambino, rimasto senza genitori dopo la strage.

Per i Peleg il desiderio della famiglia di Eitan sarebbe stato quello di fare ritorno in patria, una volta completati gli studi da medico del padre del bambino. Per gli zii residenti in Italia, invece, la provincia pavese resta il “luogo naturale” per Eitan, il posto dove ha sempre vissuto insieme ai genitori, fino al giorno di quella tragica gita sul lago che ha stravolto la sua esistenza. L’ultima parola spetta alla giustizia, nel frattempo Eitan continua a trascorrere le proprie giornate in Israele: tre giorni con i nonni materni e tre giorni con gli zii paterni.

(Foto di copertina dal sito www.vconews.it) 

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127