Luino | 18 Ottobre 2017

Luino, Casali: “Edifici non collettati? Siamo già intervenuti, conoscevamo la situazione”

Il vicesindaco di Luino risponde punto su punto sul caso sollevato dal consigliere Agostinelli, che denunciava il mancato collettamento di alcuni edifici pubblici

Tempo medio di lettura: 1 minuto

Il caso di alcuni edifici pubblici non collegati alla fognatura nel centro di Luino ha suscitato molto interesse in tutta la cittadinanza, soprattutto sui social network. Dopo l’interrogazione in consiglio comunale di Pietro Agostinelli, il dibattito in consiglio comunale e la risposta dell’Ufficio Tecnico con le parole dell’architetto Introini, oggi arriva l’ufficiale presa di posizione da parte dell’amministrazione comunale con l’intervento del vicesindaco Alessandro Casali.

“Pietro Agostinelli, consigliere comunale da sette anni – esordisce Casali -, chiede se alcuni  edifici pubblici siano o meno allacciati alla fognatura comunale soltanto dopo che il consiglio comunale, approvando il Piano delle Opere Pubbliche 2017 e le successive variazioni, ha deliberato di eseguire i suddetti allacciamenti”.

“Ciò premesso, riteniamo doveroso rispondere punto su punto – dettaglia il vicesindaco di Luino -. La Biblioteca Comunale e i locali dell’Associazione Carabinieri in Congedo sono già collegati alla rete fognaria. Il collegamento delle scuole di Voldomino è stato deliberato quest’anno nel Piano delle Opere Pubbliche. Il collegamento delle scuole elementari di Luino è stato deliberato nella variante al suddetto piano votata a luglio. Gli interventi di collettazione fognaria di Palazzo del Commissariato di  Polizia, nonché quelli del magazzino comunale, sono già state allocate le risorse a bilancio negli interventi generali sulle fognature. Agostinelli, quindi, non ha scoperto nulla di nuovo, ma si è accorto del problema quando avevamo già destinato le risorse per risolverlo”.

“Per quanto concerne la seconda domanda di Agostinelli: ‘Dove scaricano questi edifici?’, precisiamo che questi edifici sono dotati di fosse biologiche a tenuta, monitorate dagli uffici e dagli operai preposti”, spiega ancora Casali.

”I progetti preliminari dei diversi interventi – conclude il vicesindaco – dovranno essere predisposti entro la metà di novembre e le opere appaltate entro dicembre. Ci riserviamo di presentare i progetti nella Commissione Consiliare preposta. Resta il fatto che sarà questa Amministrazione Comunale che nel breve periodo ha risolto un problema presente e conosciuto oramai da sempre”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127