EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Luino | 28 Marzo 2021

“Fra le righe…”: storia e arte si intrecciano nelle due proposte di lettura della settimana

“Storia di Vera”, con la prefazione di Liliana Segre, riporta nell’atmosfera dolorosa di Auschwitz, mentre “Da quassù” è un viaggio nel paesino sardo di San Sperate

Tempo medio di lettura: 2 minuti

(a cura di Maria Giulia Baiocchi) Bellissimo e delicato il libro di Gabriele Clima autore e illustratore di Storia di Vera (Edizioni San Paolo, pp. 48, € 14,50).

Il racconto è semplice ed emozionante; Vera, una bambina ebrea, finisce in un campo di concentramento senza nemmeno capire il perché. Con lei ci sono la mamma e Anna, la sorella maggiore. Anna non ce la farà e il dolore di Vera per la sua tragica morte sarà talmente grande che le risulterà insopportabile. Com’è possibile tanta crudeltà da parte di altri uomini? Com’è possibile non avere nessuna colpa e morire di stenti in un campo di concentramento? Vera si darà una risposta e continuerà giorno dopo giorno a non uccidere l’amore che vive in lei.

La prefazione di Liliana Segre, una dei pochissimi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, rende la storia terribilmente dolorosa eppure addolcita dalla speranza. Il male fu sconfitto e l’amore vinse, perché l’amore è la nostra più grande ricchezza, così forte da estirpare ogni brutalità.

San Sperate è un paese sardo della provincia del Sud Sardegna che, a partire dal 1968, si è trasformato in un Paese Museo. Tutto iniziò quando un giovane artista del posto, Pinuccio Sciola (1942-2016), decise di trasformare il suo paese in un luogo d’arte. Coinvolgendo ogni abitante di San Sperate, a poco a poco le strade, le piazze, i muri e ogni spazio pubblico si trasformarono in un museo a cielo aperto che negli anni continuò ad arricchirsi ospitando artisti provenienti da tutto il mondo.

L’autrice sarda Cristina Caboni affida a uno stormo di rondini il compito di narrare la storia di San Sperate nel bellissimo libro Da quassù (Edizione Noarte Paese Museo, pp. 36, € 18,00). Ritornando dall’Africa dove hanno svernato, le rondini volano sopra San Sperate e raccontano come l’arte abbia eternato la bellezza di un paese che già è incastonato in una delle terre più belle del mondo, la Sardegna.

Ad accompagnare le parole dell’autrice, gli acquerelli della bravissima Flavia Cuddemi, vincitrice del premio SansperArte Paese Museo, un concorso che ha visto la partecipazione di oltre cento artisti internazionali. Il testo del libro è tradotto in sardo da Salvatore Mossa e in inglese da Ellen Pala e Davide Artizzu.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127