EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Luino | 30 Novembre 2020

Luino, la città del futuro passa anche dalle ambizioni del recente passato?

In vista della presentazione delle nuove linee programmatiche, l'ex sindaco Pellicini riflette sul peso dei grandi progetti già discussi prima del passaggio di consegne

Grande partecipazione per la Luino del futuro, il centro storico sarà ZTL
Tempo medio di lettura: 2 minuti

Quanto incideranno sulle linee guida della nuova amministrazione Bianchi i progetti già discussi e in parte avviati dall’amministrazione Pellicini nell’ultimo anno di legislatura?

Le prime risposte a questo interrogativo arriveranno sicuramente dalla seduta di consiglio comunale prevista per questa sera (inizio ore 20.45) durante la quale la nuova maggioranza affronterà il tema degli interventi prioritari.

Uno spunto di riflessione in merito, a poche ore di distanza dai lavori dell’assemblea, arriva però dall’ex primo cittadino che mette in fila alcuni ambiziosi interventi già presentati alla comunità, nel recente passato, come occasioni di sviluppo e cambiamento.

“Mi auguro che le linee programmatiche della maggioranza prevedano la realizzazione di opere pubbliche fondamentali per Luino – riflette l’ex sindaco -. Mi riferisco al completamento del Lido, ad esempio. Noi abbiamo dato avvio al primo lotto che prevede la riqualificazione dell’immobile principale e del viale di accesso. Bisogna però finanziare e realizzare anche la parte delle piscine”.

Nell’elenco delle questioni legate al futuro di Luino, accantonate con la preparazione della campagna elettorale e con il cambio al vertice di palazzo Serbelloni, decretato dalle urne nel settembre scorso, figura un altro piano complesso e particolarmente discusso, anche dalla cittadinanza. E’ quello redatto dall’architetto Paolo Poloni, inerente la riqualifica delle vie del centro attraverso la realizzazione di ampi percorsi ciclopedonali e il ritorno alle essenze arboree in via Vittorio Veneto.

“Rimango poi della convinzione – prosegue ancora Pellicini – che vada realizzato il palazzetto dello sport nell’area ex Visnova. Lì, a due passi dal centro, il palazzetto favorirebbe anche la visita delle vie dei negozi e del lungolago da parte di chi viene a giocare da fuori. Va inoltre concluso l’iter esecutivo del sottopasso di via Cairoli, unica soluzione per non fermare la mobilità in città a causa del passaggio dei treni”.

Ultimo capitolo, il collegamento ciclopedonale tra Luino e Maccagno, che anche per Fabio Passera è molto più di un sogno nel cassetto, come recentemente dichiarato proprio dal primo cittadino dell’altro Comune lacustre toccato da questa significativa e immensa opportunità di sviluppo.

“E’ giusto che la maggioranza persegua il proprio programma – afferma in conclusione l’ex sindaco di Luino, attuale consigliere tra le fila di ‘Sogno di Frontiera’ – ma penso che ogni gruppo consigliare abbia il diritto e il dovere di contribuire con le proprie proposte al dibattito sul futuro urbanistico della città”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127