Valcuvia | 6 Agosto 2020

Bedero e Masciago salutano don Stefano: la Comunità pastorale si espande

Il parrocco lascia la Valcuvia dopo sedici anni e mentre si attende il nome del sostituto, l'unità pastorale accoglie Rancio, Ferrera e Cassano

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

Rancio, Bedero, Masciago Primo, Ferrera e Cassano sono i paesi della Valcuvia dove è attesa la designazione del prete che verrà chiamato a sostituire don Stefano Ghiringhelli, il quale dalla Comunità pastorale di Bedero e di Masciago Primo, si trasferirà a breve ad Asnago Cemenate, nei pressi di Cantù.

La comunicazione, come si apprende dalle pagina de La Prealpina nell’articolo firmato da Riccardo Prando, e dalla lettera rivolta dal religioso al centro di ascolto locale, è giunta inaspettatamente nei giorni scorsi e oltre ad aver colto di sorpresa tutti i fedeli, e ovviamente il diretto interessato che si appresta a lasciare la Valcuvia dopo sedici anni, condurrà ad una riorganizzazione significativa dell’unità pastorale.

Con il passaggio, dato per certo, verranno affiancate alle parrocchie di Bedero e Masciago, quelle sopracitate di Rancio, Ferrera e Cassano. Da due a cinque comuni. Da mille abitanti circa a quattromila. Se ne occuperà il nuovo parroco, probabilmente un giovane, si vocifera, anche se sulla sua identità al momento non trapela nulla di ufficiale, e quasi un’intera valle resta in attesa. Per quanto riguarda le messe, ci si organizzerà, per il tempo necessario, con i sacerdoti dei paesi limitrofi.

Il problema non è nuovo – si apprende ancora dal quotidiano locale – ma si è aggravato negli ultimi vent’anni: causa la forte contrazione delle vocazioni sacerdotali, non esiste il necessario ricambio generazionale fra chi lascia e chi arriva. Quest’anno in diocesi di Como sono stati ordinati appena due preti contro i dieci che, anche causa Covid-19, sono deceduti (è il caso di don Mario Munaretti a Casalzuigno)”.

(Foto di copertina © Gilberto Bernecoli)

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127