Luino | 15 Febbraio 2020

Elezioni a Luino, nessun accordo nel centrodestra. Ultimatum Lega: “Casali è il nostro candidato”

Al tavolo con Fratelli d'Italia, Forza Italia e Lombardia Ideale, il Carroccio dice no ad alternative all'attuale vicesindaco. La decisione finale è attesa per il 24

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Ribadiamo quanto espresso nei nostri comunicati precedenti, ovvero la contrarietà assoluta all’ipotesi di un candidato civico alternativo ad Alessandro Casali, che oltre a vantare una esperienza nel governo della città, lunga due legislature, di cui l’ultima nel ruolo di vicesindaco, si è speso ottenendo risultati davvero importanti nell’interesse di Luino”.

Tornano a pronunciarsi, partendo dalle parole sopra riportate, gli esponenti locali del Carroccio, a poche ore di distanza dal confronto tra forze di centrodestra che si è tenuto mercoledì in città. Un tavolo a cui hanno preso parte, insieme alla Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia e Lombardia Ideale, e dal quale è scaturita una fumata nera rispetto alle trattative per la formazione di un’unica lista con cui presentarsi agli elettori.

La Lega luinese ha scelto il suo candidato sindaco e la decisione è di fatto irrevocabile. Il confronto tuttavia riprenderà a breve, anche se l’aggiornamento dei lavori, fissato per lunedì 24 febbraio, suona già come un ultimatum, lanciato dalla sponda leghista.

“Al tavolo aggiornato – si apprende ancora dagli ambienti luinesi della Lega – sapremo se i possibili futuri alleati avranno deciso di condividere il nostro candidato, così da poter arricchire insieme la nostra proposta programmatica, ribadendo che la Lega, per la costruzione del programma di governo unitario – fondamento e guida della futura amministrazione – propone il coinvolgimento di tutti gli elettori in maniera fattiva, con l’ascolto delle loro istanze in ogni fase del progetto”.

Nel frattempo il confronto, unico leitmotiv in questa fase preliminare di campagna leghista, si estenderà anche alle forze civiche, invitate singolarmente a prendere parte ad un nuovo giro di consultazioni già durante la prossima settimana, prima quindi del fatidico appuntamento del 24.

Tali consultazioni, sottolineano in conclusione gli esponenti luinesi del Carroccio, interesseranno realtà civiche e territoriali “non necessariamente riconducibili al tavolo del centrodestra, con incontri diretti in cui affrontare in maniera trasparente e propositiva i temi posti sul tappeto dalla Lega, per verificare anche altre diverse posizioni e per poter giungere ad una prima sintesi di valutazioni e proposte, costruendo così le basi condivise sui punti essenziali che andranno a comporre una ipotesi di accordo da sottoporre eventualmente alla futura discussione collegiale”.

Ed è proprio restando in ambito civico che dalla città lacustre sono partite le prime due liste ufficiali per la tornata elettorale della prossima primavera: quella di Adriano Giannini e quella del ricercatore universitario, già consigliere comunale, Alessandro Franzetti.

In attesa di una risoluzione, però, resta da sciogliere il nodo relativo al candidato sindaco del centrodestra. Non è scongiurato il fatto che oltre ad Alessandro Casali, nel caso si rompesse l’alleanza, ci possano essere altre figure “civiche” pronte a candidarsi.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127