Luino | 25 Novembre 2019

Verbano spa, “I cittadini non paghino per gli errori commessi da altro”

"Cittadini Liberi Luino" interviene sulla possibilità che in futuro siano le casse dell'ente, e non gli amministratori, a coprire sanzioni sulla gestione dei depuratori

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Riceviamo e pubblichiamo una lettera firmata dal gruppo “Cittadini Liberi Luino” inerente le ultime vicende emerse dall’assemblea dei soci di Verbano spa, società che si occupa della gestione degli impianti di depurazione per diversi comuni del territorio, tra cui anche Luino.

Nell’assemblea di fine ottobre, all’ordine del giorno compariva la proposta di dirottare la responsabilità del pagamento delle sanzioni poste ai limiti allo scarico dei depuratori di proprietà, dagli amministratori alle casse della società.

Proposta bocciata per l’assenza di consenso unanime, requisito previsto dallo statuto, ed è proprio l’esito della votazione il tema posto al centro di una seconda assemblea in programma per il prossimo giovedì.

Ecco la lettera.

Dopo una recente assemblea dei soci (i comuni del comprensorio), con votazione dall’esito negativo riguardo la manleva sulle sanzioni per il superamento dei limiti allo scarico dei depuratori, ecco che con una celerità generalmente sconosciuta, i sindaci in rappresentanza degli enti interessati sono stati nuovamente convocati dalla società Verbano.

Della vicenda si è trattato poco, anche se meriterebbe più trasparenza considerato che si tratta dei soldi dei contribuenti. Di fatto è stata messa in votazione la possibilità che tutte le sanzioni, nuove e degli ultimi tre anni almeno, non vengano più pagate dall’amministratore unico della società, ma direttamente dalle casse dell’ente. In questo caso a pagare sarebbero gli ignari cittadini.

Nello specifico ricordiamo che il costo dell’apparato “depurazione acque” viene finanziato da noi cittadini utenti, tramite la “quota depurazione” che si trova nella bolletta dell’acqua. Per giunta ci permettiamo di affermare: non proprio di bassa entità.

Se durante la prossima votazione dovessero rivelarsi favorevoli tutti gli interessati, noi cittadini – in caso di sanzioni alla società per il mancato rispetto delle normative vigenti – ci vedremmo costretti a sostenere i costi degli errori commessi. Noi che già paghiamo per avere un servizio.

Questa eventualità non convince, e francamente la riteniamo inidonea e ingiusta, perché tesa a colpire i più deboli. Per poter concretizzare questo spostamento di responsabilità, occorre che la totalità dei votanti si esprima con parere positivo. Chiediamo quindi al nostro sindaco, Andrea Pellicini, di rendere pubblica la sua volontà rispetto al voto.

Crediamo sia doveroso, visto che parliamo di possibili ripercussioni economiche ai danni di noi cittadini. Chiediamo inoltre a chi di dovere, di spiegare le motivazioni di tanto volontà nel voler cambiare lo stato in essere, e di farlo preferibilmente per mezzo di un incontro pubblico con la popolazione.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127