Germignaga | 22 Ottobre 2017

Il sindaco Fazio: “Sulla Masci chiesto l’aiuto della Regione. Pronti per aiutare i lavoratori”

Il primo cittadino di Germignaga ha inviato ieri una lettera al presidente Commissione Attività Produttive e a tutti i consiglieri regionali della provincia

Tempo medio di lettura: 2 minuti

La notizia del fallimento della Ascanio Masci di Germignaga si aggiunge alla chiusura della Italtrasfo annunciata la scorsa settimana. In soli pochi giorni, infatti, senza dimenticare il caso IMF, il settore industriale del paese lacustre è stato duramente colpito, con la perdita di due piccole ma grandi imprese che lasceranno a casa circa una sessantina di dipendenti, che sono già stati informati della situazione da parte dei sindacati.

Così, il sindaco di Germignaga, Marco Fazio, è voluto intervenire direttamente, e lo ha fatto in modo concreto, attivando tavoli istituzionali a livello regionale e richiedendo un urgente audizione in Commissione Attività Produttive, al presidente, l’avvocato Pietro Foroni.

Per conoscenza la lettera è stata inviata anche ai consiglieri regionali eletti dal territorio dell’Alto Varesotto, tra cui Alessandro Alfieri, Raffaele Cattaneo, Paola Macchi, Luca Marsico, Emanuele Monti e Giampiero Reguzzoni.

Egregio presidente,

desidero sottoporre alla Sua attenzione e a quella dei consiglieri regionali eletti nella Provincia di Varese, che ci leggono in copia, la difficile situazione occupazionale venutasi a creare nel comune che amministro, Germignaga.

Nel breve corso di due settimane, due importanti realtà industriali, la Italtrasfo s.r.l. e la Ascanio Masci s.r.l., hanno annunciato la prima la chiusura in data 31 dicembre; la seconda, da quanto si è appreso oggi da fonti sindacali e giornalistiche, l’impossibilità di proseguire l’attività e la conseguente richiesta di istanza di fallimento.

In  tutto, sono circa sessanta i dipendenti che perderanno il lavoro. Tale grave fatto si inserisce in una situazione industriale e occupazionale difficile, con giustificate preoccupazioni per la possibile ricollocazione dei licenziati.

Con la presente, pertanto, richiedo alla Commissione Attività Produttive di audire le proprietà delle aziende citate, l’Amministrazione Comunale e le parti sindacali per avviare un percorso che possa portare a scelte significative per rispondere alla contingenza immediata, ma anche aiutare in una riflessione complessiva sulla situazione occupazionale nell’Alto Varesotto.

Oltre a questo, infine, il sindaco, dopo essersi confrontato con la propria giunta, si sta attivando per portare sostegno e vicinanza, anche da un punto di vista concreto-economico, ai lavoratori. Solo ieri le parole dell’amministratore delegato dell’azienda, Marco Masci, che spiegava le cause di quello che sta accadendo.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127