EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Alto Varesotto | 27 Agosto 2021

Alto Varesotto, rifiuti: compostiere gratis per le famiglie. “Puntiamo all’efficienza e al risparmio”

Il progetto fa parte del nuovo contratto tra Comunità montana ed Econord per la gestione della differenziata. Ballardin: "I costi dipenderanno dai comportamenti"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Il miglioramento della qualità della raccolta differenziata e la riduzione degli impatti ambientali derivanti dalle abitudini dei cittadini sono tra gli aspetti prioritari della nuova gestione dei rifiuti che Comunità montana Valli del Verbano ed Econord avvieranno dal prossimo mese di dicembre, rivoluzionando il servizio.

Due obiettivi, quelli appena citati, che non possono prescindere da un ottimizzato coinvolgimento delle comunità locali, le quali dovranno sentirsi parte integrante del cambiamento. Per questo l’ente montano ha predisposto con il nuovo appalto – del valore di 32 milioni di euro in otto anni – una serie di migliorie, in parte già anticipate qui sul nostro sito (vedi i link agli approfondimenti in fondo alla pagina), pensate appositamente per la quotidianità dei residenti.

Tra queste migliorie, una riguarda la promozione del compostaggio domestico, sistema che consiste nello smaltimento autonomo di rifiuti organici derivanti dagli avanzi di cibo, mediante l’impiego di un apposito cassone. Gli stessi scarti – umidi e vegetali – sottoposti a fermentazione con un processo biologico innescato da elementi naturali come aria e umidità, e dall’azione dei microrganismi, vengono poi trasformati in un terriccio contenente preziose sostanze minerali, utili sotto forma di concime soprattutto in ambito agricolo.

Comunità montana, grazie al nuovo contratto, metterà a disposizione circa 3500 compostiere da 330 litri attraverso il sistema del noleggio gratuito. Il numero delle attrezzature è stato individuato con l’intenzione di soddisfare il 30% delle utenze monofamiliari presenti nei paesi dell’alto Varesotto che fanno capo all’ente.

L’intero meccanismo ha inoltre una componente di carattere economico che è fondamentale per comprendere appieno la portata di tale miglioria. “Chi farà compost potrà godere di sconti sulle tariffe Tari – spiega Gianpietro Ballardin, sindaco di Brenta e assessore di Comunità montana con delega all’ambiente -. Nei paesi sopra i mille abitanti verrà pesato quanto raccolto con la differenziata; in quelli sotto i mille ci saranno invece pesate campione in tre periodi dell’anno. Unite al dato di ogni abitante determineranno l’entità della tassazione”.

In questo quadro si inserisce anche l’utilizzo delle compostiere che – come detto – consentiranno ai residenti di differenziare una parte dei rifiuti in maniera autonoma, risparmiando così sui quantitativi dei conferimenti che verranno peraltro monitorati mensilmente dagli uffici comunali attraverso specifici report sulla qualità e sulla quantità dei rifiuti raccolti e confezionati con i nuovi sacchi, tutti dotati di microchip. Per le famiglie interessate ma poco pratiche in materia di compostaggio domestico, verranno organizzati appositi corsi di formazione incentrati sul corretto svolgimento delle procedure.

“I comuni potranno differenziare i costi sulla base dei comportamenti dei loro cittadini – sottolinea ancora Ballardin – il che conferma la centralità del coinvolgimento e della partecipazione attiva di tutti in questo nuovo progetto. Informare, coinvolgere, educare e premiare sono le nostre parole chiave. Ma tutto dipenderà dall’impegno di ogni persona nel contribuire al cambiamento e alla concretizzazione di vere politiche green”.

Per approfondimenti sullo stesso argomento:

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127