EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Lombardia | 10 Dicembre 2020

Vaccini antinfluenzali: “Copertura over 65 al 41% inaccettabile. Obiettivo era 75%”

Botta e risposta tra Monti (Lega) e Astuti (Pd): “Non si può rivendicare l’autonomia della Regione e poi, alla prima difficoltà, imputare le colpe al Governo”

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Non si placa la querelle tra i consiglieri regionali della Lombardia sulle vaccinazioni antinfluenzali dopo la nuova critica espressa ieri da Samuele Astuti (Pd) sulla gestione della campagna vaccinale, con i ritardi e la carenza delle dosi necessarie a coprire il fabbisogno della popolazione.

Oggi, giovedì 10 dicembre, è l’esponente della Lega – e presidente della Commissione Sanità – Emanuele Monti a intervenire con queste parole, accusando il Partito Democratico di essere “un disco rotto”: “Regione Lombardia negli ultimi tre anni ha chiesto in Conferenza Stato-Regioni l’acquisto centralizzato delle dosi antinfluenzali senza essere minimamente ascoltata. Quest’anno, visto lo stato d’emergenza, il Governo avrebbe potuto provvedere agli approvvigionamenti in deroga al codice degli appalti, ma non l’ha fatto, preferendo lo scarica barile con le Regioni. È curioso che ora il PD continui a farci la lezioncina sui vaccini”.

“Ricordo ad Astuti – prosegue – che ad oggi Regione Lombardia ha già somministrato più di 1,2 milioni di dosi, di cui circa 180.000 nella sola ATS Insubria, dove risulta coperto il 41% degli over 65 e il 12% della popolazione totale. Inoltre, si registra un calo del 90% degli accessi per influenza nei pronto soccorsi del territorio. Questi dati ci confermano il buon andamento della campagna vaccinale 2020/2021 visto che sono state acquistate l’81% in più delle fialette ed è stato praticamente raggiunto il totale delle somministrazioni dell’anno scorso quando ancora la campagna non è conclusa. Anche questa volta, Regione Lombardia risponde con i fatti”.

Immediata la replica del consigliere dem: “Rivendicare come un successo la copertura del 41% del vaccino antinfluenzale per gli over 65 è a dir poco inaccettabile visto che l’obiettivo che la stessa Regione si era prefissata, data l’emergenza sanitaria in atto, era del 75%. E a ulteriore dimostrazione di questo ci sono le quotidiane proteste dei medici di base e le costanti lamentele dei cittadini, di cui certamente anche il consigliere Monti è a conoscenza”.

“Addossare al Governo la responsabilità della mancanza delle dosi è ancora meno comprensibile. Non si può passare anni a rivendicare l’autonomia della Regione e poi, alla prima difficoltà, imputare le colpe al Governo e invocarne l’intervento. Le accuse del consigliere Monti suonano ancor più incomprensibili se si ricorda che fu tra i primi a prendere atto delle difficoltà  della campagna antinfluenzale di quest’anno. Mi domando cosa gli ha fatto cambiare idea”, conclude Astuti.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127