EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Luino | 5 Ottobre 2020

Maltempo, a Luino allagata anche la sede dei Canottieri

Acqua e detriti hanno invaso la sede della società risparmiando però i locali. Il presidente Manzo: "Sempre così. Serve un tavolo di lavoro per la gestione dei livelli"

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

Continua la conta dei danni causati dall’ultima ondata di maltempo dei giorni scorsi, con piogge intense e raffiche di vento che hanno sradicato alberi, causato smottamenti e allagamenti in molte zone dell’alto Varesotto, risultate tra le più colpite da questi fenomeni estremi.

A Luino è stata non solo la spiaggia delle Serenelle a finire sott’acqua, ma anche la sede dei Canottieri: le aree esterne infatti, sono state ricoperte da fango e legname mentre i locali, anche in questo difficile frangente, hanno fortunatamente scampato l’allagamento grazie alla posizione leggermente sopraelevata rispetto al terreno circostante.

“La situazione è stazionaria”, commenta il presidente della società Luigi Manzo, “Speriamo non salga il vento perché quello creerebbe altri danni. Abbiamo solo i detriti e i tronchi da rimuovere”.

“In ogni caso, ancora una volta, la gestione dei livelli da parte del Consorzio del Ticino si è rivelata insensata“, prosegue Manzo. “Alle 19 del 3 ottobre entravano 6292 metri cubi al secondo e ne uscivano 1391, a quanto risulta dai dati forniti da loro. Si fanno sempre sorprendere e agiscono in ritardo. Poi il Po si riempie, lo scirocco frena il deflusso in mare, gli svizzeri aprono e noi andiamo sotto: tutte le volte accade così. Credo sia necessario un tavolo di lavoro serio per affrontare queste problematiche”, conclude il presidente della Canottieri Luino.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127