Luino | 18 Settembre 2020

Antenna 4G vicino al cimitero di Luino: “Opera che va contro difesa del paesaggio, deve essere valutata”

Dopo lo stop ai lavori con un'ordinanza, l'assessore Miglio rimarca tempestività dell'amministrazione. Il candidato sindaco Artoni: "Scempio, verificare autorizzazioni"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

“Voglio sottolineare che l’intervento del Comune è stato efficace e tempestivo. Confermo totalmente quello che ha già detto il sindaco, Andrea Pellicini. I lavori sono stati sospesi con una ordinanza”: a parlare è Alessandra Miglio, assessore all’Ambiente e Territorio del Comune di Luino, che interviene con queste parole sull’antenna 4G della Wind posizionata nei giorni scorsi nei pressi del cimitero di Via San Pietro.

Proprio ieri, infatti, il primo cittadino era immediatamente intervenuto per fermare i lavori sottolineando come – benché dall’Arpa sia giunto parere favorevole – non sia stata fatta, da parte della Commissione Paesaggio, una valutazione sull’impatto ambientale del ripetitore.

“Noi saremo sempre dalla parte del bello e per la difesa del paesaggio. Quell’opera, che si erge oltretutto su un terreno privato, va contro tutto questo. È una installazione che dovrà essere valutata necessariamente nella prossima Commissione del Paesaggio. È priorità dell’amministrazione dare ai cittadini la miglior vista del lago in armonia con lo sviluppo della città“, conclude Miglio.

Ad intervenire sulla questione è anche il candidato sindaco di “Azione civica per Luino e frazioni”, Furio Artoni: “Ci chiediamo come sia stato possibile autorizzare il posizionamento di un’antenna alta oltre trenta metri dietro la chiesa di San Pietro. Si tratta di uno scempio e di un’alterazione paesaggistica. Ci chiediamo se questa antenna sia stata autorizzata e da chi, e se sia in possesso di tutte le necessarie autorizzazioni”.

“Se così non fosse – continua Artoni – a questo punto è inevitabile richiedere l’intervento della magistratura per verificare l’idoneità della stessa ad essere posizionata in quel luogo. Il sottoscritto con la sua lista sosterrà qualsiasi azione a tutela del paesaggio, anche qualora vi fossero autorizzazioni sarà nostro compito verificare la regolarità delle stesse”.

In questo caso specifico si tratta di un’antenna 4G, ma negli scorsi mesi non sono mancate diverse polemiche riguardanti la nuova tecnologia 5G, con in prima fila gli attivisti del Movimento 5 Stelle che hanno chiesto chiarimenti in merito all’amministrazione comunale del paese lacustre. L’annuncio del sindaco, lo scorso aprile, aveva rassicurato i pentastellati: l’amministrazione uscente ha difatti bloccato la realizzazione dell’impianto per conoscere la materia in toto, compresi gli aspetti legati alla tutela della salute.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127