EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Luino | 6 Agosto 2020

Al “Città di Luino” progetto da 20mila euro per un ambiente polifunzionale innovativo

10mila euro stanziati grazie al bando "Facciamo EcoScuola", altri 10 messi a budget dalla scuola. Uno spazio che sarà a disposizione della collettività

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Un progetto da 20mila euro per riqualificare un’aula e realizzare un ambiente didattico polifunzionale innovativo. Dopo l’emergenza Covid, e mentre si lavora per la ripartenza dell’attività scolastica, l’I.S.I.S. “Città di Luino – Carlo Volontè” può esultare per aver vinto il bando “Facciamo EcoScuola”, iniziativa portata avanti dai parlamentari del Movimento 5 Stelle, grazie alla restituzione di 3 milioni di euro derivanti al taglio dei loro stipendi.

Nessuna finalità politica, ma una partecipazione resa possibile grazie all’interesse di un’attivista pentastellato della zona, che ha presentato le finalità del bando alla dirigenza scolastica. Dopo il voto in consiglio docenti, l’elaborazione di questa iniziativa che prevede di dotare un’aula di attrezzature per l’attività di videoconferenze.

“L’obiettivo – spiega il dirigente scolastico, il professor Fabio Giovanetti (che il 31 agosto lascerà la scuola per dirigere l’istituto comprensivo G.B. Monteggia di Laveno Mombello, ndr) – è quello di rafforzare l’interazione studenti- docenti-contenuti-risorse e a favorire pratiche didattiche innovative in uno spazio che può essere fisico e virtuale, arricchendo la didattica di risorse digitali fondate sulla collaborazione anche a distanza”.

In questi anni l’istituto luinese ha dimostrato quanto sia fondamentale investire nel futuro degli studenti, promuovendo conoscenze e competenze, formazione e apertura al territorio, soprattutto con i forti rapporti con le aziende del nord della provincia, capaci di dare opportunità di lavoro a numerosi giovani.

In questo senso, grazie a questo progetto, si potranno intensificare le ormai famose collaborazioni con le scuole estere (progetti Erasmus+ KAI, KAII) tramite video conferenze sia per lo scambio di progetti ed esperienze professionalizzanti che di buone pratiche didattiche e, infine, la formazione tecnica partecipando a tutorial e web seminar del settore.

Le attività delle videoconferenze permetteranno di fruire di lezioni, conferenze e seminari tecnici forniti da aziende che risulterebbe impegnativo raggiungere, in termini di tempo, spese e impatto ecologico, da parte degli studenti e degli insegnanti.

In totale, nel progetto denominato “Fare spazio alla scuola smart”, verranno acquistati diversi arredi come tavoli, sedie, tende, armadi e altre strumentazioni, tra cui un videoproiettore ad alta luminosità, un sistema di diffusione audio con mixer e microfoni, una videocamera HD e un cavalletto per registrare e con webcam.

Valorizzare l’esistente aula: il progetto nel dettaglio

La scuola da diversi anni utilizza la G-Suite for Education per agevolare la condivisione e la collaborazione, mettendo a disposizione un’ampia gamma di risorse didattiche nel cloud. Il nuovo ambiente ne favorirà l’utilizzo permettendo l’applicazione delle molteplici metodologie didattiche innovative e una più efficace gestione dei feedback, finanche in tempo reale: didattica laboratoriale (gruppi classe, classi parallele, classi articolate, classi di indirizzi diversi), peer to peer, thinking by doing, insomma quelle best pratice che permettono di promuovere e sperimentare nuovi percorsi di didattica per competenze.

L’interazione a distanza favorirà lo sviluppo di nuove collaborazioni e il consolidamento di quelle già in atto: a titolo di esempio possiamo citare la collaborazione con alcune aziende del territorio (Rettificatrici Ghiringhelli, SPM) in iniziative di formazione (es. Progetto Meccatronica) e in attività di alternanza scuola-lavoro con il supporto anche dell’Unione Industriali della Provincia di Varese e della Camera di Commercio di Varese (Project Work su robotica e su sviluppo di app per simulazione di guida) nonché l’adesione a Progetti Erasmus+ in cooperazione con scuole tecniche di Germania, Olanda, Estonia.

Altro esempio di collaborazione particolarmente significativa per l’istituto è la partecipazione al Progetto Scuola Impresa di Fondazione Cariplo, che ha permesso di acquisire dotazioni di laboratorio d’eccellenza nel settore della robotica industriale e di interagire con realtà scientifiche come il Politecnico di Milano e industriali come ABB, consentendo tra l’altro a un gruppo di studenti di conseguire una certificazione di robotica.

In questi ultimi anni i progetti citati hanno focalizzato l’attenzione sulle tematiche di Industria 4.0 e il risparmio energetico anche ospitando conferenze di esperti: docenti dell’Università LIUC di Castellanza e delle aziende Siemens e Galgano Group, tutte documentate ad oggi, con registrazioni amatoriali.

La sede di tali incontri e delle presentazioni dei progetti realizzati agli altri studenti, alle famiglie, alle aziende partner, a enti ed associazioni è stata individuata, di volta in volta, in luoghi disponibili con le immaginabili problematicità legate allo spostamento in termini di tempo ed eco sostenibilità. La mancanza di una sede adatta ha, spesso, limitato questi momenti di apprendimento, confronto e report, a volte impedendone di fatto la realizzazione.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127