Luino | 26 Giugno 2020

“Tutta Luino”, Cipriano presenta un progetto politico per il futuro. “Per ora nessuna lista”

L'attivista M5S svela il programma per un cambiamento fondato su turismo, tecnologia, chiarezza e ambizioni. "Alle amministrative se lo vorranno i cittadini"

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Affrontare le difficoltà e gli ostacoli della vita quotidiana mettendoci coraggio, impegno e caparbietà. Parte da qui la proposta per il futuro della città firmata “Tutta Luino“, gruppo di cittadini guidato dall’attivista del Movimento cinque stelle Gianfranco Cipriano, che nella conferenza stampa di questa mattina in cui il programma del gruppo è stato presentato, con una panoramica sui principali punti che lo compongono, ha voluto al suo fianco la persona che incarna la filosofia del progetto e che con la sua testimonianza di vita lo ha ispirato.

Si tratta di Emanuela Guarneri, madre di Federico Morlacchi, il campione del nuoto paralimpico che con i suoi titoli e le sue medaglie ha portato il nome del paese lacustre in alto numerose volte, riempiendo di orgoglio un’intera comunità.

La sua presenza al tavolo di “Tutta Luino” non è stata però soltanto simbolica. La volontà di un impegno concreto è forte, ma il futuro della scommessa, annunciata come una rivoluzione nel modo in cui la politica viene concepita, organizzata, tradotta in opere pubbliche, dipenderà dai luinesi e dalla loro apertura nei confronti di un cambiamento.

E in cosa consiste questo cambiamento? “Prima di tutto in un nuovo concetto di amministrazione – ha annunciato l’attivista, che per la prossima tornata elettorale sembra aver messo da parte simboli, schieramenti e ipotesi di alleanze per concentrarsi esclusivamente su un piano a misura di cittadino -. Sogniamo un’amministrazione che dialoghi in modo semplice e chiaro con le persone, raccontando in modo inequivocabile la propria attività. Che comunichi in modo diretto con i cittadini, i quali devono sapere a chi rivolgersi a seconda del tipo di problematica, e come farlo. Per questo abbiamo pensato ad un’app per la comunicazione in tempo reale tra amministratori e abitanti”.

La tecnologia è il motore del gruppo, ma sono tanti gli ingranaggi che serviranno a tenerlo in funzione. Tra questi c’è il turismo, che nella visione dell’attivista e dei suoi collaboratori occupa un ruolo centrale. Luino come hub turistico del territorio che comprende anche Ticino, sponda piemontese, aree montane. Ogni zona con le sue peculiarità, che se inserite in iniziative che tengano conto della valorizzazione reale dei luoghi, e quindi del coordinamento tra chi li amministra, potranno dettare i tempi di permanenza dei visitatori, il loro grado di apprezzamento, di coinvolgimento, di curiosità.

Più dialogo dunque, soprattutto con la Svizzera e con le sue istituzioni, per le quali si pensa di predisporre un immobile che diventi la casa delle iniziative condivise: l’imbarcadero di piazza Libertà, “oggi inutilizzato e trascurato”, ha fatto notare Cipriano.

Tanti poi gli spunti per cambiare il volto della città, dai piccoli aspetti (videosorveglianza evoluta, foto trappole per gli incivili) alle dinamiche più complesse: la creazione di una “città dei ragazzi” lungo la piana di Voldomino, dove raggruppare tutti gli istituti della scuola secondaria, e la rivoluzione della viabilità nel centro cittadino con la pedonalizzazione quasi totale delle vie, e con l’inserimento nelle dinamiche degli spostamenti di tutti i giorni, e di quelli che riguardano i turisti, di un treno navetta che percorra tutta la fascia del lungolago e che attraversi la Luino vecchia. Funzionale sia ai tour che al raggiungimento del posto di lavoro.

Tra ciò che esula dalle ambizioni, ponendosi come punto fisso e inamovibile del programma, c’è la questione “barriere architettoniche”, da abbattere mettendo in pratica le linee guida dei piani p.e.b.a e p.a.u., ma anche il rilancio delle frazioni, che per Gianfranco Cipriano “devono essere protagoniste quanto il centro. Chi abita nelle frazioni ha compreso che è di vitale importanza alzare la voce, farsi sentire, usare il web e i social per denunciare le criticità. Tanta gente da Creva a Voldomino lo ha capito e sta provando a farlo”.

Da comprendere invece rimane un aspetto: “Tutta Luino” sarà presente con il suo simbolo sulla scheda elettorale? “Noi abbiamo stilato un programma – ha spiegato Cipriano – e lo abbiamo messo a disposizione online, tramite il nostro portale. Ora ci serve la fiducia dei cittadini. Se loro ci trasmetteranno forza e determinazione, intercettando la portata di quello che vorremmo costruire nei prossimi cinque anni, allora ci presenteremo alle prossime elezioni amministrative, portando con noi la proposta di cambiamento su cui abbiamo lavorato”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127