Luino | 24 Ottobre 2019

In Commissione Territorio il futuro di Luino, arriva il PGT

La riunione di oggi precede l'approvazione finale in Consiglio della variante di medio termine. Sotto la lente di ingrandimento la zona dell'ex Visnova

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Un solo punto all’ordine del giorno ma fondamentale per il futuro della viabilità luinese. La Commissione Territorio che si riunirà nella serata di giovedì a Palazzo Serbelloni, ha in programma l’ultima lettura della variante di medio termine del PGT (piano di governo del territorio) dedicata alla riqualifica delle aree centrali.

Un passaggio importante, che precede l’approvazione definitiva, attesa entro fine mese, in Consiglio comunale. Nell’ottica dell’amministrazione, condivisa dai colleghi ticinesi oltre confine e sostenuta dai fondi europei, sono presenti le soluzioni del pacchetto “Smart Border”, presentato nei mesi scorsi, che punta alla realizzazione di oltre trecento nuovi posti auto per incentivare l’utilizzo dei mezzi pubblici negli spostamenti, accuratamente potenziati e integrati dagli strumenti tecnologici.

Il destino dell’ex Visnova, situata a ridosso del complesso ferroviario, rientra in questa visione, e l’area è da tempo considerata la sede ideale per l’ambizioso progetto con cui donare alla città e alle associazioni locali un palazzetto dello sport.

Il tema viabilità sul tavolo degli amministratori e dei membri della Commissione, presenterà poi il capitolo dedicato alle misure alternative ai passaggi a livello che verranno chiusi definitivamente con l’avvento di Alptransit, una rivoluzione annunciata non solo per il trasporto merci ma anche per la vita quotidiana di diverse comunità. Per la chiusura del passaggio a livello di via Cairoli (a cui si sommerà anche il passaggio di via S. Pietro) il comune ha in previsione la costruzione di un sottopasso che verrà ultimato entro la prossima estate.

Sempre a proposito di rivoluzioni, c’è infine un ulteriore progetto rispetto al quale sono attese novità entro l’anno, quello che l’architetto Paolo Luigi Poloni ha curato per ripensare la circolazione delle vie del centro, e per agevolare l’accesso alla mobilità lenta e dolce. Il primo lotto, per come era stato annunciato il tutto in primavera, dovrebbe riguardare via Vittorio Veneto, anche se al momento il comune è ancora in attesa di conoscere il verdetto di Fondazione Cariplo per quanto concerne i finanziamenti all’opera.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127