Luino | 2 Settembre 2019

Luino, piccioni ancora padroni della stazione: segnalazioni anche dai turisti

Nuove foto sono comparse su Facebook nei giorni scorsi. Ancora guano su pavimenti e muri, nonostante i sopralluoghi e gli interventi del comune

Tempo medio di lettura: 1 minuto

Cittadini, pendolari e ora anche turisti. Si allunga la lista delle persone che hanno sperimentato il disagio prodotto dalla presenza dei piccioni all’interno della stazione ferroviaria di Luino, dove le segnalazioni – portate all’attenzione dell’amministrazione attraverso vari canali – e i successivi interventi attuati dal Comune, non hanno prodotto sufficienti risultati per risolvere la problematica.

I locali che conducono ai binari, a due mesi di distanza dall’ultimo confronto sul tema tra maggioranza e minoranza, restano invasi dal guano, come documentato da nuove foto apparse su Facebook nei giorni scorsi. E’ in particolare l’area della biglietteria a farne le spese, con muri imbrattati in più punti, al pari delle scale e dei pavimenti.

A inizio luglio, in assemblea, il sindaco Andrea Pellicini aveva informato i colleghi rispetto ad un imminente incontro tra il segretario comunale e i rappresentanti dell’impresa di pulizia, a seguito di un intervento, durante la stessa seduta, del capogruppo de “L’altra Luino” Franco Compagnoni, che aveva riportato in primo piano il problema stazione condividendo le impressioni raccolte a margine di un sopralluogo effettuato dai consiglieri Enrica Nogara e Giovanni Petrotta.

Una precedente visita, quella dei tecnici del Servizio Manutenzione, datata ottobre 2018, era servita ad identificare i luoghi maggiormente sensibili al passaggio dei volatili, per il posizionamento di dissuasori (lungo cornicioni, finestre, davanzali e colonne) e la messa in funzione di un impianto di allontanamento.

A diversi mesi di distanza sono però ancora gli scatti dei passanti a descrivere meglio di chiunque altro il contesto. Nulla pare essere cambiato.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127