Torino | 30 Luglio 2019

Scuola, panino da casa in mensa? La Cassazione dice no

È stato accolto il ricorso del Comune di Torino, che ribalta una pronuncia in favore dei genitori degli alunni. Il tema aveva creato un acceso dibattito anche a Luino

Tempo medio di lettura: 1 minuto

Non esiste un “diritto soggettivo” a mangiare il panino portato da casa “nell’orario della mensa e nei locali scolastici” e la gestione del servizio di refezione è rimesso “all’autonomia organizzativa” delle scuole. Lo hanno stabilito le Sezioni Unite della Cassazione, accogliendo il ricorso del Comune di Torino, ribaltando una pronuncia favorevole ai genitori degli alunni che preferivano alla mensa il pasto portato da casa.

“Alla luce del nuovo pronunciamento delle Sezioni Unite, l’Amministrazione procederà a supportare le famiglie e le scuole nelle prossime delicate fasi organizzative che conseguono al suddetto pronunciamento”, commenta l’assessora all’Istruzione della Città di Torino, Antonietta Di Martino.

Il tema, a causa dell’aumento dei prezzi dei buoni pasto, era stato a lungo discusso anche a partire da settembre all’Istituto Comprensivo “Bernardino Luini” di Luino, dove alcuni genitori chiedevano a gran voce la possibilità per i loro figli di portare la schiscetta da casa. La scuola, successivamente, in sinergia con il Comune, ma in modo autonomo, aveva accolto le richieste delle famiglie e aveva predisposto un servizio ad hoc per soddisfare le loro esigenze.

L’autonomia della scuola quindi rimane, ma non vi è un diritto soggettivo per stabilire in modo universale questa ipotesi. Al momento, però, almeno a Torino, i genitori sono sul piede di guerra.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127