Luino | 28 Luglio 2019

Luino, “Il Comune sostenga il Gruppo Unità Cinofile, un’eccellenza italiana”

I consiglieri Petrotta e Nogara si rivolgono al sindaco per il ripristino dei contributi all'associazione, un'eccellenza a livello nazionale. Pronta un'interrogazione

Tempo medio di lettura: 2 minuti

“A Voldomino Inferiore in via della Roggia, in un terreno di circa 1600 metri quadrati, vicino al depuratore già sede nel secolo scorso di una discarica pubblica, si trova il campo di addestramento per cani del Gruppo Unità Cinofile di Soccorso della città di Luino”.

Comincia da qui, dalle coordinate del punto esatto in cui sorge un’eccellenza luinese, che nel suo campo funge da riferimento a livello italiano e internazionale, l’interrogazione firmata dai dem Enrica Nogara e Giovanni Petrotta, consiglieri di minoranza, e indirizzata al sindaco Andrea Pellicini in vista della prossima assemblea cittadina, in programma martedì sera a Palazzo Serbelloni.

Gli esponenti de L’Altra Luino si associano così a quanto dichiarato alcuni giorni fa, sempre attraverso il nostro giornale, dal presidente dell’associazioni Giovanni Cotugno, appellatosi alla comunità, all’amministrazione e anche agli enti superiori per scongiurare la chiusura del centro, frequentato non solo da privati cittadini ma anche da esponenti delle forze dell’ordine, che proprio all’interno della struttura di Voldomino insegnano ai fidati collaboratori a quattro zampe come partecipare a sessioni di ricerca sia in superficie che sotto le macerie. Un supporto fondamentale in caso di emergenze, terremoti e altre calamità.

Il campo esiste dal 1994 e non è soltanto un’eccellenza per quanto concerne la qualità dei corsi e la valenza degli attestati rilasciati, ma è inoltre uno dei pochi approdi raggiungibili in Italia per questo tipo di formazione. In tutta la penisola ce ne sono soltanto altri tre.

“In questi giorni il Gruppo Unità Cinofile di Soccorso della città di Luino – si legge nell’interrogazione – ha segnalato le sue difficoltà ed ha reso noto che dal comune non riceve più aiuti per la gestione e manutenzione del campo. Dalle precedenti amministrazioni il gruppo riceveva pochi fondi (qualche migliaio di euro all’anno). Dall’amministrazione Pellicini niente. Solo nel primo anno di governo Pellicini, quindi nel 2015, l’associazione ha ricevuto un esiguo contributo”.

La richiesta dei due consiglieri è dunque quella di intervenire con il giusto tempismo per sollevare i volontari dall’isolamento nella gestione economica del centro, troppo onerosa dopo venticinque anni di impeccabile servizio, considerando le esigenze manutentive in essere e la necessità di potenziare e aggiornare gli strumenti a disposizione degli addestratori.

“Chiediamo all’amministrazione di aiutare concretamente questa emerita associazione di volontari che tanto prestigio e onore rende alla città di Luino – concludono i due consiglieri di minoranza -. Chiediamo che siano ripristinati i fondi già una volta erogati, magari aumentandoli e prelevandoli se possibile da altre voci di bilancio, quali spettacoli ed attività effimere”.

Gli aspetti dell’interrogazione verranno come detto approfonditi martedì in assemblea, mentre risale allo scorso mese di marzo la visita sul posto del consigliere regionale Giacomo Cosentino, che non esclude perciò la possibilità di una ulteriore azione di sostegno alla struttura.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127