Lago Ceresio | 11 Giugno 2019

Lago Ceresio, diciotto nuovi cadetti della Protezione civile per il pronto intervento

Un percorso condiviso con l'Autorità di Bacino dei Laghi Ceresio, Piano e Ghirla: ennesima prova come la collaborazione tra Italia e Svizzera frutti ottimi risultati

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Nell’ambito delle funzioni esercitate in materia lacuale e demaniale, l’Autorità di Bacino dei Laghi Ceresio, Piano e Ghirla avvierà nella prossima stagione estiva un servizio di vigilanza, assistenza e soccorso grazie alla collaborazione con il Corpo Volontari di Protezione Civile “Nucleo Mobile di Pronto Intervento” con sedi operative sia a Varese che a Porto Ceresio.

Il personale del Nucleo Mobile di Pronto Intervento assicurerà la propria opera nei periodi di maggiore frequentazione degli specchi d’acqua, peraltro interessati da numerose manifestazioni pubbliche che richiamano un alto numero di turisti.

L’Autorità di Bacino, e i Comuni rivieraschi che vi aderiscono, potranno così contare su una presenza in più a salvaguardia della sicurezza e dell’incolumità di coloro che frequentano il lago tenuto conto che, oltre all’efficiente servizio già svolto dalla Guardia di Finanza di Casamoro e ai partners svizzeri del soccorso, non vi sono ad oggi altre forze di pronto intervento che possano partecipare alle funzioni di controllo dello specchio d’acqua.

Per garantire un intervento qualificato i volontari del N.M.P.I. hanno seguito, negli ultimi 4 mesi, un articolato percorso formativo sia teorico che pratico acquisendo nozioni sulla regolamentazione dei nostri laghi, nonchè l’abilitazione alla comando di unità da diporto e il brevetto di salvamento.

La formazione e l’addestramento sono stati completati dai brillanti interventi sul campo della Società di Salvamento di Lugano e dal Corpo dei Civici Pompieri di Melide, partners fondamentali coi quali – data anche l’internazionalità del lago – i volontari in forza all’Autorità di Bacino potrebbero doversi confrontare ed interagire a fronte di emergenze che, pur nel rispetto delle rispettive competenze territoriali, non conoscono confini così invalicabili quando si tratta di operare insieme a salvaguardia della vita umana in acqua.

Per il servizio, cristallizzato in una convenzione fra l’Autorità di Bacino e il Corpo Volontari, il personale del Reparto Nautico del NMPI diretto dal Dott. Luca Villari potrà avvalersi delle unità nautiche in dotazione all’Autorità di Bacino – già oggetto di confisca ad organizzazione mafiosa per essere adibito a servizi di pubblica utilità –  e di un proprio battello pneumatico che il NMPI mette a disposizione per implementare le attività di monitoraggio sul lago.

La vocazione al soccorso, maturata dal Nucleo Mobile di Pronto Intervento, potrà garantire ovviamente anche interventi di protezione civile nel caso in cui – su disposizione dell’Autorità territoriale competente quali Sindaci, Provincia o Regione in coordinamento con la Prefettura – si rendesse necessario intervenire dal lago a fronte, ad esempio, dell’interruzione dei collegamenti stradali o dell’insorgere di esigenze che impogono l’evacuazione di abitati.

18 i volontari, tutti giovanissimi, che hanno aderito alla proposta e che domenica, a seguito del positivo superamento dell’esame finale, hanno ricevuto il diploma di fine corso e abilitazione alla conduzione di natanti in operazioni di protezione civile dalla Presidente f.f., Donata Grazia Mina e dal Direttore dell’Autorità di Bacino, Dott. Maurizio Tumbiolo, alla presenza del Dott. Michele Giacomino, Vice Prefetto Sub Commissario di Governo del Comune di Campione d’Italia che da sempre ospita la sede dell’Autorità, del Dirigente del NMPI, Avv. Paolo Cazzola, e degli Amministratori dei Comuni rivieraschi affacciati sui tre laghi Ceresio, Piano e Ghirla.

Cliccare qui per leggere l’intervento del Dirigente del NMPI, Avv. Paolo Cazzola.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127