Luino | 13 Ottobre 2018

Cosentino visita Colmegna, ancora in primo piano i disagi legati a chiesa e ferrovia

Il consigliere regionale visita il borgo lacustre insieme al cittadino residente Marco Lecchi: "Comune e regione insieme per risolvere tutte le criticità"

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Sul versante delle problematiche inerenti la frazione luinese di Colmegna, da tempo al centro di richieste che la comunità mantiene con forte interesse in primo piano, si inserisce oggi una nuova voce, con l’obiettivo di stabilire una sinergia tra tutte le forze chiamate in causa, capace di condurre finalmente a delle soluzioni che siano concrete e definitive.

Grazie allo spunto del residente Marco Lecchi, attivo portavoce di una parte di concittadini, si è svolto nel pomeriggio di ieri, venerdì 12 ottobre, un sopralluogo condotto personalmente dal consigliere regionale Giacomo Basaglia Cosentino, finalizzato a comprendere quali sono le priorità del borgo in riva al lago, che necessitano una volta per tutte di essere considerate come tali. E di questioni aperte, come il consigliere stesso ha potuto constatare, tralasciando gli aspetti di minore entità, di cui già nei mesi passati avevamo dato conto, ce ne sono diverse.

La prima tappa, una volta lasciato il parcheggio a lato della SS394, è alla chiesa parrocchiale Santa Caterina Vergine Martire, dove ad attendere il consigliere, membro della Commissione permanente Territorio e Infrastrutture del Pirellone, c’è il diacono Gabriele Ferrari, sul posto per indicare, una dopo l’altra, tutte le crepe presenti lungo i muri sia interni che esterni del luogo di culto. Alcune di queste balzano all’occhio per estensione e profondità. Tutte, sottolinea il diacono, corrispondono alle dirette conseguenze di un vecchio intervento alla rete fognaria, eseguito ormai dieci anni fa, a cui va aggiunta l’azione insistente delle vibrazioni prodotte dal passaggio dei treni, considerato che i binari distano solo una manciata di metri dal sagrato. “Dopo svariati appelli ad RFI – prosegue Ferrari – alcuni segnali ci sono giunti dall’assessore luinese Alessandra Miglio, in contatto con i tecnici della società che si occuperanno della manutenzione. Sappiamo che il progetto esiste ma le tempistiche sono al momento ancora poco chiare“. Lampanti sono invece le condizioni in cui versa la struttura, anche lungo la pavimentazione interna, dove è presente una fessura tra le piastrelle che va dall’altare fin quasi all’ingresso, “come se la chiesa fosse divisa a metà”, afferma ancora il diacono prima di congedarsi.

Il sopralluogo prosegue quindi in direzione ferrovia, dove l’esigenza evidenziata è sostanzialmente una, ma coinvolge più abitazioni che sorgono attorno al tratto di questa importante direttrice di collegamento tra Ticino e Alto Varesotto. Notevole è l’interesse dei residenti per capire al più presto come verrà impostato il piano di inserimento delle barriere anti rumore in vista di AlpTransit, essenziali soprattutto per chi ha casa in via Berra e dintorni, dove la distanza tra i binari e le singole proprietà è davvero minima. Un aspetto quest’ultimo che sta emergendo con forza dalle istanze presentate agli amministratori da tutti i comuni che saranno interessati dal passaggio della nuova linea nel 2020. A specificarlo, con lo sguardo rivolto al ponte sopra la strettoia di questa via, tra le più trafficate della frazione, è il consigliere regionale, che promette di portare la causa di Colmegna su uno dei tavoli tecnici già aperti nel minor tempo possibile.

L’ultimo riferimento della giornata, a proposito di ponti, va alla struttura situata prima della galleria di collegamento tra Luino e Maccagno, tornata al centro del dibattito tra cittadini e lavoratori frontalieri dopo i tragici fatti di Genova, ma già prima oggetto di numerosi interrogativi sorti attorno alle impalcature di sostegno che da mesi occupano una porzione della spiaggia sottostante. Come è noto Anas ha escluso criticità alla base del ponte, rimandando ulteriori aggiornamenti al termine della nuova fase di monitoraggio e del successivo intervento di manutenzione.

“Il nostro obiettivo è ora quello di verificare che siano state attivate tutte le procedure necessarie dagli enti preposti, individuando la strada migliore, a livello istituzionale, per portare avanti la collaborazione e l’intesa tra gli enti stessi, fondamentale per risolvere queste situazioni”, ribadisce Cosentino dopo aver raccolto appunti e considerazioni durante il giro di perlustrazione.” Fiducioso, rispetto a quanto emerso, Marco Lecchi, che a margine dell’incontro commenta: “Confido in Cosentino e nella collaborazione efficace tra amministrazione e regione“.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127