EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Luino | 4 Dicembre 2017

I 24 comuni del distretto di Luino insieme per debellare il gioco d’azzardo patologico

Domani in comune a Luino un incontro che vedrà la partecipazione degli amministratori del piano di zona, inserito nel progetto "Proposte Azzardate Azzardo 2.0"

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Da tempo il Piano di Zona, facente riferimento al distretto del comune di Luino, che comprende 24 comuni del territorio, ha avviato un progetto per contrastare il gioco d’azzardo patologico. La sensibilizzazione e la campagna informativa effettuata negli scorsi mesi, però, non riescono, da sole, a debellare una tra le maggiori piaghe sociali del nostro tempo e per questa ragione i sindaci del distretto hanno intenzione di muoversi concretamente, con atti politico-amministrativi pronti a dare battaglia a videopoker, slot machine e tutte quelle attrezzature ormai presenti ad ogni angoli dei nostri paesi.

“Dopo aver chiuso il lavoro di mappatura nei comuni del distretto di Luino – spiega il presidente del Piano di Zona e sindaco di Maccagno con Pino e Veddasca, Fabio Passera – ci siamo resi conto di quale fosse la situazione. Di fronte a noi abbiamo trovato un quadro preoccupante e in questi mesi abbiamo capito come lavorare in sinergia e come contrastare il fenomeno sotto ogni punto di vista. Lo si fa con decisione, limitazioni e norme precise. Questo modus operandi deve essere deciso e condiviso da tutti i comuni, deve dare un senso ed un valore fondamentale alle azioni che metteremo in campo. Già la legislazione regionale si è espressa rispetto all’apertura di sale vicino a luoghi sensibili, ma dobbiamo fare di più. Tutti i comuni devono partecipare, dobbiamo fare questo tentativo: redigere un regolamento che sia sottoscritto tutti i 24 paesi del distretto, un’area molto importante. Non sarà facile è una grande sfida per noi e insieme all’assessore Franzetti e al sindaco Mastromarino, che sono i due referenti per la zona luinese e la valmarchirolo, raccoglieremo esperienze simili già avvenute in altre regioni. Siamo consapevoli che un regolamento efficace creerà malumori, ma è ora di dire basta. Luino, Lavena Ponte Tresa e Mesenzana sono i paesi con più macchinette, è un’emergenza vera, che dobbiamo affrontare. Ce la faremo solo se saremo uniti, tutti e 24 i comuni, per debellare prima culturalmente e poi sociologicamente il problema. Vogliamo che le nostre comunità vivano nel benessere e siano in salute, dobbiamo scongiurare pericoli come il gioco d’azzardo patologico”.

“Il gioco d’azzardo patologico – spiega uno dei sindaci più attivi sul tema, Massimo Mastromarino – è diventato un problema sociale, con tante famiglie rovinate dal gioco. Non possiamo non interrogarci di fronte ad un comportamento che ha travalicato le dinamiche del gioco fino a diventare una vera e propria patologia. Servono strumenti tali che ci permettano di contrastare fattivamente questa grave piaga sociale e domani sarà occasione per parlare e capire come intervenire, insieme. Tutti nella stessa direzione”.

“Sebbene il gioco abbia sempre avuto una funzione sociale e divertente – interviene l’assessore ai Servizi Sociali di Luino, Caterina Franzetti -, oggigiorno e sempre più spesso, sfocia in un comportamento compulsivo che genera dipendenza: la famigerata ludopatia. C’è molto da fare, perché in molti sono convinti di sapere cos’è il gioco d’azzardo e di saperlo controllare. Il Comune di Luino, ente Capofila del Piano di Zona, con tutte le amministrazioni, vuole chiarire il significato della ludopatia e prevenirla mettendo in campo esperti, con il coinvolgimento delle scuole ed in continuità con i progetti realizzati precedentemente, finanziati da Regione Lombardia. Le scuole e i ragazzi sono i nostri interlocutori privilegiati, concorrono fattivamente nello sviluppo del progetto, diffondendo attraverso il loro impegno il messaggio che la ludopatia si connota sempre di più come una vera malattia”.

“La sempre maggior diffusione del gioco d’azzardo – spiega il sindaco di Germignaga, Marco Fazio – è ormai un problema sentito anche nei nostri paesi, e le nostre amministrazioni lo riscontrano anche nell’attività dei servizi sociali. Troppo spesso infatti il gioco viene visto come possibile soluzione alle difficoltà legate alla attuale situazione socioeconomica. Occorrono risposte forti, che sappiano compensare la limitazione delle attività di gioco per gli esercizi con forme di incentivo, ma che introducano anche sempre maggiori attività di prevenzione e monitoraggio”.

L’appuntamento è domani mattina, martedì 5 dicembre, alle ore 11, presso la sala consiliare del comune di Luino.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127