Luino | 3 Agosto 2017

“Ok la riqualificazione del Lido di Luino, ma molto preoccupati per l’amianto presente alla Ratti”

La segnalazione da parte dei cittadini residenti nella zona dell'area Lido e dell'area Ratti. Le fotografie sono state scattate da un balcone di un'abitazione

La riqualificazione del Lido di Luino è argomento di questi giorni. Dopo le dichiarazioni del sindaco Pellicini per la fattibilità del progetto, “recuperando le piscine e il grande locale destinato a ristorante e bar”, l’argomento di discussione del giorno del consiglio comunale di lunedì sera. A tal proposito, anche noi di Luino Notizie, abbiamo chiesto il vostro parere e aperto un nuovo sondaggio (per votare cliccare qui). Ma c’è anche chi sposta lo sguardo più in là, all’area ex Ratti, di cui sembra essercisi dimenticati, nonostante la sua dimensione non indifferente (ben 37.470 mq occupati).

Infatti, sono diversi gli abitanti della “Verbanetta” di Luino che si dicono preoccupati e impensieriti dall’amianto presente sui tetti della struttura che, giorno dopo giorno, si sta decomponendo, rilasciando nell’aria le sue particelle.

Per i residenti nelle zone limitrofe, ma non solo, un rischio a cui sono sottoposti quotidianamente e a cui hanno già cercato di dare attenzione. “Tempo fa (circa due anni) sono andata con una mia vicina di casa a parlare con un tecnico comunale – le parole di una cittadina, G. P. -. Ci disse che c’era già un progetto di riqualifica dell’area, ma che non si poteva procedere perché bisognava attendere la scadenza dei contratti di locazione e che comunque non ci sarebbero stati i fondi necessari per effettuare l’operazione”.

Quindi nessuna possibilità di soluzione? “Si discuteva di demolire tutto lo stabile per farne area verde, ma da tempo ormai non se ne parla più”, prosegue la donna che ci ha inviato anche alcune foto della situazione attuale della struttura. In effetti vi erano diversi progetti, tra cui uno del 2009 proposto dall’architetto Stefano Seneca per la riqualificazione dell’area Ratti che prevede la naturale prosecuzione del lungolago e solo in minima parte uno sviluppo residenziale. Non è la prima volta che gli stessi luinesi pongono la questione all’attenzione delle istituzioni, come era accaduto giusto un anno fa con una lettera giunta in redazione.

Quindi in un momento in cui il destino del complesso del Lido è all’ordine del giorno, perché non pensare più in grande e a problemi più gravi nell’immediato, domandandosi cosa fare della struttura ex Ratti?

La salute e i rischi a cui vanno incontro i cittadini dovrebbero essere tra le prime preoccupazioni di qualsiasi agenda politica.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127