12 Gennaio 2017

Abuso d’ufficio, prosciolti sindaco Ielmini e assessori Laveno Mombello

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Nell’udienza preliminare sulle presunte irregolarità per la concessione della trasformazione urbanistica della ex Ceramica Lago, il sindaco Ielmini, i suoi assessori ed alcuni ex amministratori sono stati prosciolti. “Il fatto non costituisce reato”.

Laveno, consiglio comunale senza risposte alle dichiarazioni della minoranza

Abuso d’ufficio, prosciolti sindaco Ielmini e assessori Laveno Mombello. Il gup di Varese ha prosciolto il sindaco di Laveno Mombello, Ercole Ielmini, accusato di abuso d’ufficio in relazione al progetto di riqualificazione dell’area nel paese affacciato sul lago Maggiore dove fino al 1979 venivano prodotte le ceramiche Richard Ginori, rimasta abbandonata per anni. Sono stati prosciolti anche gli assessori Paola Sabrina Bevilacqua ed Enrico Rodari e altre otto persone, tra cui un funzionario del Comune, un consigliere ed ex consiglieri comunali. Secondo le accuse avevano favorito la società privata che si sta occupando del progetto di sviluppo urbanistico dell’area nel centro del paese attraverso una delibera del dicembre 2009 che, stabilendo una variante al progetto già approvato nel 2004, avrebbe provocato al Comune un danno quantificato dalla Procura in oltre un milione e mezzo di euro. Quando fu approvata la delibera Ielmini guidava un’amministrazione di centrosinistra. Fu sconfitto alle elezioni e poi tornò in carica nella successiva tornata elettorale. Le indagini, coordinate dal pm Massimo Politi, erano partite da un esposto presentato dall’ex sindaco di centrodestra, Graziella Giacon, che aveva denunciato presunte irregolarità nell’operato del suo predecessore. Intanto a distanza di anni i lavori sull’area sono stati in parte ultimati, mentre su una parte del terreno sono ancora in corso

Solidarietà anche dal presidente del consiglio regionale Raffaele Cattaneo: “Proscioglimento è buona notizia. Ielmini amministratore per bene”. Buona notizia il proscioglimento del sindaco di Laveno Mombello Ercole Ielmini e assessori. È amministratore e persona per bene” così il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia e coordinatore provinciale di Ncd-Lombardia Popolare, Raffaele Cattaneo, commenta sul suo profilo twitter la sentenza di proscioglimento da parte del gup di Varese del sindaco di Laveno Mombello, Ercole Ielmini, accusato di abuso d’ufficio, degli assessori Paola Sabrina Bevilacqua ed Enrico Rodari e altre otto persone, tra cui un funzionario del Comune, un consigliere ed ex consiglieri comunali.

Le parole del Segretario Provinciale Pd, Samuele, Astuti. “Esprimo grande soddisfazione per la decisione del Giudice. Conosco bene Ercole ed è persona onesta che apprezzo nelle sue qualità umane e di amministratore locale. Anche nei mesi scorsi ho avuto modo, a fronte di improbabili attacchi privi di fondamento, di intervenire pubblicamente per ribadire la mia vicinanza e di tutto il Partito a Ercole. Il mio in bocca al lupo va all’Amministrazione Comunale di Laveno per una prosecuzione del lavoro improntata come sempre al bene per la comunità di Laveno”.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127