4 Ottobre 2016

Papa Francesco fra le macerie di Amatrice: “Ho lasciato passare un po’ di tempo. Non volevo dare fastidio”

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Questa mattina, accompagnato dal vescovo di Rieti mons. Domenico Pompili, il Papa si è recato in visita alle popolazioni vittime del terremoto del 24 agosto. Il pontefice è arrivato ad Amatrice alle 9.10 e ha visitato la scuola e la zona rossa.

ANSA/ALESSANDRO DI MEO

ANSA/ALESSANDRO DI MEO

 

Una visita annunciata da tempo quella del Papa ma che è giunta a sorpresa nella mattinata di oggi. Il pontefice nella mattinata di oggi si è recato ad Amatrice, la città simbolo del terremoto a bordo di una Golf con i vetri oscurati. Accompagnato dal vescovo di Rieti mons. Domenico Pompili, Papa Francesco ha prima incontrato i più giovani entrando nella scuola provvisoria realizzata dalla Protezione civile in tempi rapidissimi per poter permettere ai bambini di Amatrice di tornare sui banchi di scuola dopo il terremoto. Visita avvenuta in forma strettamente privata, il pontefice è stato accolto dagli studenti delle elementari e delle medie che gli hanno donato alcuni disegni. Francesco li ha abbracciati e salutati uno ad uno e si è intrattenuto con loro ad ascoltare i racconti dei ragazzi. La visita durata una ventina di minuti, il pontefice si è poi incamminato lungo Corso Umberto I tra le macerie.

Papa Francesco si è recato in corso Umberto I, camminando tra le macerie scortato dai vigili del fuoco. Dopo la visita ad alunni e insegnanti alla scuola di Amatrice il Pontefice si è recato nella zona rossa. Da solo e in silenzio, si è fermato davanti alle macerie per pregare. Ha dichiarato: “Non volevo dare fastidio, per questo ho lasciato passare un po’ di tempo. Sono qui semplicemente per dire che vi sono vicino e prego per voi. Vicinanza e preghiera, questa è la mia offerta a voi”. Questo il discorso tenuto da Papa Francesco nel giorno del suo onomastico da un piccolo microfono con altoparlante. E ha aggiunto: “Dobbiamo andare avanti nonostante tanti cari che ci hanno lasciato. Dobbiamo andare sempre avanti insieme perché da soli è difficile, aiutatevi l’un l’altro. Si cammina meglio insieme. Da soli no”.

Già la scorsa domenica il Papa, nel corso della conferenza stampa nel volo aereo Baku-Roma, aveva annunciato la sua volontà di fare questa visita «privatamente, da solo, come sacerdote, come vescovo, come Papa. Ma da solo. Così voglio farla. E vorrei essere vicino alla gente».

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127