15 Agosto 2016

I migranti ospiti a Dumenza offrono gratuitamente i prodotti del loro orto ai cittadini

Tempo medio di lettura: 2 minuti

L’orto di Dumenza, curato dai ragazzi migranti, nasce da un progetto di Agrisol, sperimentato in tutti i suoi centri di ospitalità migranti. Anche a Dumenza, infatti, il giovane agronomo Laerte, ha insegnato ai ragazzi nigeriani a coltivare un appezzamento di terreno di proprietà della parrocchia. “Vogliamo usare i frutti del nostro orto per aiutare la Chiesa e tutta la comunità di Dumenza. Tutti noi immigrati stiamo utilizzando questa opportunità per dire grazie a tutta l’Europa, l’Italia e Dumenza per l’aiuto datoci”, commenta un ragazzo nigeriano ospite.

I migranti ospiti a Dumenza offrono gratuitamente i prodotti del loro orto ai cittadini. (Cesi Colli) – Sono ormai tanti i ragazzi che si sono messi in viaggio da paesi lontani alla ricerca di una risposta alla speranza di felicità che hanno nell’animo. Hanno dei nomi, dei volti, vengono da realtà difficili, forse non hanno mai conosciuto la gratuità e vissuto la comunione.

L’accoglienza è autentica quando permette un incontro tra esseri umani, tra storie, tra sogni, tra decisioni per un futuro migliore per tutti, come è avvenuto a Dumenza, che, con una ospitalità fatta di tanti, piccoli e semplici gesti disinteressati, ha accolto dodici migranti nigeriani in una casa della parrocchia, gestita dalla cooperativa Agrisol, braccio operativo della Caritas diocesana di Como.

L’affetto dimostrato dal parroco, don Corrado, dal diacono Giorgio e dalla comunità ha suscitato in questi giovani ragazzi africani sentimenti di gratitudine: ieri, domenica 14 agosto, hanno, perciò, allestito sul sagrato della chiesa parrocchiale di S. Giorgio a Dumenza un banchetto, dove, terminata la S. Messa, hanno offerto gratuitamente i prodotti del loro orto. Chi voleva poteva dare una offerta e il ricavato è stato donato a don Corrado per le necessità della sua chiesa.

Un giovane nigeriano ha letto queste parole, scritte insieme ai suoi amici: “Siamo qui oggi per farvi capire cosa abbiamo fatto e come lo abbiamo fatto. Abbiamo coltivato questa terra, secondo le tecniche di coltivazione africane, cui abbiamo aggiunto quelle italiane. L’abbiamo fatto con l’aiuto di Laerte e di Giorgio, che ci hanno fatto arrivare ad un risultato positivo. Abbiamo piantato alcuni ortaggi e li abbiamo curati con molta attenzione. Vogliamo usare i frutti del nostro orto per aiutare la Chiesa e tutta la comunità di Dumenza. Tutti noi immigrati stiamo utilizzando questa opportunità per dire grazie a tutta l’Europa, l’Italia e Dumenza per l’aiuto datoci”.

L’orto nasce da un progetto di Agrisol, sperimentato in tutti i suoi centri di ospitalità migranti. Anche a Dumenza, infatti, il giovane agronomo Laerte, coadiuvato dal diacono Giorgio, ha insegnato ai ragazzi nigeriani a coltivare un appezzamento di terreno di proprietà della parrocchia, ormai da tempo incolto. Agrisol ringrazia gli abitanti di Dumenza, che, con sensibilità e offerte generose, si sono presentati al banchetto dei prodotti dell’orto, donando così al loro oratorio un valido contributo e ai ragazzi nigeriani la gioia di un sorriso, di una parola e di vedere premiata la loro fatica.

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127