17 Marzo 2015

Mercato nero di farmaci illeciti destinati ai bovini per produrre più latte. Maxi blitz dei Nas in Nord Italia

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Operazione dei carabinieri del Nas che dalle prime ore del mattino stanno dando esecuzione in 10 province del Nord Italia (Cremona, Pavia, Brescia, Milano, Asti, Torino, Parma, Piacenza, Reggio Emilia e Modena) a 19 decreti di perquisizione di cui 8 in allevamenti intensivi di bovini da latte. I decreti sono stati emessi dal Sostituto Procuratore della Procura della Repubblica di Brescia anche nei confronti di un indagato ritenuto responsabile del commercio e della somministrazione di medicinali veterinari di provenienza illecita.

(huffingtonpost.it)

(huffingtonpost.it)

Farmaci illeciti a bovini per produzione maggiore di latte: prima indagine nell’ottobre 2014. La prima fase dell’indagine, conclusa dal NAS di Cremona lo scorso ottobre, aveva permesso di far luce su un vasto traffico illecito di somatotropina bovina, triangolata da paesi extra europei e venduta in flaconi e siringhe ad allevatori di bovini da latte insieme ad altri farmaci veterinari, provenienti dal “mercato nero” privi, quindi, di prescrizione e registrazione nonché irregolarmente introdotti in Italia, che servivano a fare aumentare fino al 20% la produzione di latte del bestiame trattato. L’attività investigativa aveva, inoltre, consentito ai Carabinieri del NAS di Cremona di eseguire un fermo di indiziato di delitto nei confronti di un medico veterinario, libero professionista, il quale, insieme agli altri indagati – professionisti del settore zootecnico – era stato trovato in possesso di una quantità ingente di farmaci veterinari privi di registrazione e autorizzazione all’immissione in commercio.

L’operazione di quest’oggi in stalle ed allevamenti del nord Italia: scovati 55kg di farmaci illegali. Le perquisizioni in corso, eseguite dai militari all’interno di aziende commerciali, stalle ed allevamenti del Nord Italia, si inseriscono in una ulteriore fase investigativa per rintracciare ulteriori partite di farmaci illeciti che si aggiungono ai precedenti sequestri di 16 allevamenti, di oltre 4000 capi di bestiame, di 55 kg di farmaci illegali nonché di 80.000 litri di latte sottoposti a vincolo sanitario.

Sostanze cancerogene a bovini, allevatori denunciati Cuneo. Due allevatori del Cuneese sono stati rinviati a giudizio dalla Procura per contraffazione e vendita di sostanze alimentari adulterate. La Guardia di Finanza ha perquisito le stalle in cui venivano somministrate le sostanze dopanti, sequestrando 845 vitelli a carne bianca, prevalentemente della razza Blue Belga. Quindi, sono stati prelevati campioni di liquidi biologici dagli animali trattati e gli esami hanno confermato la presenza di sostanze illecite. Nell’abitazione degli allevatori e nelle stalle, inoltre, le Fiamme Gialle hanno trovato alcuni flaconi contenenti una sostanza anabolizzante e cancerogena, il 17A estradiolo benzoato. I bovini risultati positivi alle analisi di laboratorio sono stati macellati e sottoposti ad analisi istologica. La esito ha evidenziato la presenza di metaplasie nelle ghiandole sessuali. Infine, sempre durante le perquisizioni, sono stati rinvenuti farmaci detenuti senza le prescritte autorizzazioni. Agli allevatori è stata comminata una sanzione da 109mila euro per violazione alle normative riguardanti la farmacovigilanza. (AGI)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127