Varese | 4 Maggio 2021

“Agricoltura motore dello sviluppo”: il presidente nazionale Prandini incontra Coldiretti Varese

Il vertice nazionale della Coldiretti in un confronto con la dirigenza. Presenti anche il presidente e il direttore regionale, molti i temi al centro del dibattito

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Un confronto per programmare, ascoltare il territorio, incontrarne il volto e la rappresentanza dell’imprenditoria agricola. Ne è stato protagonista il presidente nazionale di Coldiretti Ettore Prandini che nei giorni scorsi ha incontrato a Cassano Magnago i membri del consiglio delle federazioni di Varese e Como-Lecco, accolto dai rispettivi presidenti – Fernando Fiori e Fortunato Trezzi – e dal direttore Giovanni Luigi Cremonesi. Con Prandini, erano presenti anche il presidente di Coldiretti Lombardia Paolo Voltini e il direttore regionale Marina Montedoro.

Molti i temi al centro della relazione di Prandini e del successivo dibattito con i presenti. Si è parlato anche del PNRR varato dal Draghi che riconosce al comparto il valore di risorsa strategica stanziando 5,27 miliardi per economia circolare e agricoltura sostenibile, per investimenti che vanno dalla logistica alle energie rinnovabili, dall’innovazione ai contratti di filiera per i quali Coldiretti e Filiera Italia hanno già pronti numerosi accordi per gli allevamenti da carne e latte, per quelli avicoli, per l’ortofrutta, i cereali e l’olio.

Si è parlato anche dello scenario green per l’Italia, che assegna all’agricoltura un ruolo da protagonista con 630 milioni di euro per il verde urbano, parchi e giardini storici, 600 milioni per la riqualificazione degli edifici e del paesaggio rurale nei piccoli borghi.

Prandini ha rimarcato anche l’importanza di colmare il digital divide, puntando sullo sviluppo di reti ultraveloci per colmare i ritardi nell’espansione della banda larga nelle zone interne e montane con quasi 1 famiglia su 3 (32%) che vive in campagna non dispone di una connessione a banda larga, secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Istat. L’azzeramento del digital divide italiano è strategico per l’innovazione e la svolta tecnologica dell’agricoltura 4.0 che ha generato in Italia un fatturato intorno ai 540 milioni di euro nel 2020, con una crescita di circa il 20% rispetto all’anno precedente.

Ma c’è da recuperare con il Recovery Plan anche il grande gap infrastrutturale che ogni anno – ha rimarcato Prandini – rappresenta per l’Italia un danno in termini di minor opportunità di export al quale si aggiunge il maggior costo della “bolletta logistica” legata ai trasporti e alla movimentazione delle merci fra le regioni della penisola e verso il resto del mondo.

L’agricoltura italiana è una risorsa fondamentale per avviare una nuova stagione di sviluppo economico e lavoro per il Paese” ha spiegato il presidente nazionale nel sottolineare “per questo dobbiamo mettere in campo gli strumenti per aiutare tutte le aziende nei processi di innovazione e di maggiore sostenibilità per agevolare la transizione verso un modello di economia circolare che migliori l’efficienza nell’uso delle risorse con una decisa semplificazione burocratica e dei servizi”.

Un Paese lungimirante – ha concluso Prandini – “oggi non può esimersi dal scommettere sul futuro di un’agricoltura vincente e rappresentativa del meglio che i suoi territori sanno dare. La nostra è un’agricoltura che genera i prodotti migliori, sempre più protagonisti anche nel mondo dell’alta ristorazione che, di essi, ne fa bandiera”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127