Luino | 7 Aprile 2021

Incendi e vaccini, la Protezione civile della Comunità Montana Valli del Verbano al lavoro per il territorio

I volontari dei gruppi locali sono impegnati sia al centro vaccinale di Rancio sia con gli interventi per i roghi boschivi. Fazio: “Disponibilità ed efficacia notevoli”

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Una settimana davvero impegnativa, quello appena trascorsa, per i tanti volontari della Protezione civile appartenenti alla Comunità Montana Valli del Verbano: “I nostri gruppi di Protezione civile – commenta infatti il vice Presidente di CMVV e assessore delegato alla ProCiv Marco Fazio – ci hanno abituato ad una disponibilità ed efficacia davvero notevoli. In questi ultimi giorni, però, si sono davvero superati”.

I volontari dei gruppi del territorio dell’ente, molti dei quali inseriti nel COAV, il Coordinamento Antincendio Boschivo di Comunità Montana Valli del Verbano, si sono difatti dovuti impegnare su molti fronti, a partire da quello relativo agli incendi: gli avvisi di allerta emessi da Regione Lombardia si sono confermati corretti, con una serie ripetuta di incendi boschivi iniziati la scorsa settimana e ancora in corso, data l’assenza di pioggia e il forte vento.

Gli interventi sono iniziati a Runo di Dumenza per poi proseguire a Marchirolo, Cadegliano Viconago (questo, sino ad ora, l’evento più rilevante con circa cinque ettari di area boscata percorsa dal fuoco), Cuasso al Monte, Montegrino Valtravaglia, Bedero Valcuvia, Leggiuno e Marzio. Si tratta di operazioni che spaziano su un territorio particolarmente vasto, che comprende in parte anche quello della vicina Comunità Montana del Piambello e del Parco Campo dei Fiori. Non manca, però, anche tutto il lavoro “dietro le quinte”, con una rigorosa attività di prevenzione e coordinamento, che da oltre venti giorni vede il presidio della sala operativa con turni di avvistamento e monitoraggio.

Nel frattempo, però, si è avviata anche un’altra attività impegnativa per numero di volontari coinvolti e per durata dell’intervento: il supporto logistico al centro vaccinale massivo di Rancio Valcuvia, attivo dallo scorso venerdì 2 aprile: ogni giorno più di 20 volontari, attivi su due turni, garantiscono un andamento corretto e ordinato dell’attività del centro, supervisionando le zone di parcheggio, indirizzando e, se necessario, aiutando i vaccinandi, svolgendo attività collaterali di supporto come la misurazione della temperatura o il controllo del rispetto dei tempi di attesa post vaccinazione. Anche in questo caso, il tutto con una regia garantita da una sala operativa mobile, allestita all’interno di un camper posizionato nell’area del centro vaccini, da cui vengono gestite le comunicazioni radio tra gli operatori, raccolte le eventuali criticità, mantenuto il raccordo con Provincia di Varese.

Ovviamente, alle spalle dei volontari c’è sempre l’attività della Comunità Montana Valli del Verbano e del suo personale tecnico: “A nome di tutti i sindaci che rappresento come presidente di Comunità Montana – chiosa Simone Castoldi – non posso che ringraziare tutti i nostri volontari. Siamo ammirati dalla loro solerzia e dalla loro capacità tecnica e organizzativa. L’attestato più bello per loro, per noi, è quello che arriva dalla gente, dagli utenti del centro, che ci hanno già manifestato il loro apprezzamento per la cortesia e la cura del personale attivo nel centro di Rancio. Mi permetto anche di ringraziare il gruppo di P.C dell’Associazione Nazionale Alpini di Varese, che in brevissimo tempo ha allestito due strutture di supporto che hanno ulteriormente migliorato la fruizione del centro”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127