EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Maccagno con Pino e Veddasca | 4 Dicembre 2020

Spiaggia di Zenna, il sindaco Passera: “Il futuro del chiosco non dipende dal Comune”

Il primo cittadino fa chiarezza dopo la notizia della petizione promossa dai residenti per rimuovere la struttura. "Progetto voluto anni fa dall'Autorità di Bacino"

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

“L’amministrazione comunale di Maccagno non può modificare le disposizioni di un altro ente“.

Con questa doverosa premessa il sindaco del paese lacustre, Fabio Passera, si inserisce nel dibattito sul futuro della piccola spiaggia di Zenna, innescato da un gruppo di residenti attraverso una petizione online il cui scopo è focalizzare l’attenzione della comunità sulla presenza in loco di una struttura metallica installata da tempo e rimasta incompleta.

Si tratta al momento di una intelaiatura che funge da “scheletro” per un chiosco di bibite e gelati, la cui funzione sarà quella di servire i frequentatori della spiaggia. Per molti affezionati, tuttavia, l’idea appare inutile (nelle vicinanze è già presente un bar ristorante) e persino deleteria per il paesaggio.

Nonostante la località rientri nei confini maccagnesi, il Comune non ha responsabilità né competenze rispetto all’opera oggetto della petizione. “Conosciamo la situazione da anni – spiega Passera – ma la decisione di realizzare il chiosco è stata presa nel 2017 quando era presidente dell’Autorità di Bacino il lavenese Federico Caldesio. La volontà era quella di offrire ai fruitori della spiaggia uno spazio dove poter acquistare bibite e gelati. Anche la Provincia di Varese si era espressa al riguardo, ritenendo che il progetto fosse in linea con il Piano di Governo del Territorio di Maccagno“.

Nei pressi della spiaggia è inoltre presente un altro manufatto, questo sì di proprietà dell’amministrazione, che potrebbe essere allestito come baretto estivo in alternativa al chiosco contestato. Il Demanio autorizza per ora l’esercizio della vendita – una volta completata l’opera – al futuro gestore già designato, che è il titolare della concessione dal 2017.

“Noi saremmo anche disponibili ad occuparci della vicenda – conclude il sindaco di Maccagno – ma purtroppo non abbiamo le competenze necessarie. La palla è in mano del privato titolare della concessione demaniale“.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127