EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Varese | 15 Novembre 2020

“SMS Coronavirus”, il servizio funziona: positivi i primi riscontri sul tracciamento

Sale la percentuale degli utenti che compilano il questionario online per la gestione della quarantena. Catanoso (ATS): "Continuare con la sensibilizzazione"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Per il dottor Giuseppe Catanoso, direttore sanitario di ATS Insubria, la reazione dell’utenza alla messa in funzione di “SMS Coronavirus“, il nuovo servizio dedicato al tracciamento e alla prevenzione Covid sul territorio, sta seguendo le traiettorie e le cifre sperate.

Il meccanismo recentemente introdotto consente ai cittadini, tramite un messaggio di notifica, inoltrato per messaggio a smartphone e cellulari, di accedere ad un questionario da compilare per ottenere importanti informazioni sulle tempistiche e sulla gestione del periodo di quarantena.

Un supporto ulteriore nel trattamento dei casi positivi, fase che nelle ultime settimane ha messo in difficoltà gli oltre cento operatori di ATS, provati dall’enorme mole di dati e contatti elaborati senza sosta, e purtroppo non senza i fisiologici errori e guasti nella catena organizzativa e burocratica, segnalati più volte da pazienti e soggetti in quarantena anche tramite il nostro quotidiano.

“La settimana scorsa siamo finalmente riusciti a partire con questo servizio che sta funzionando bene – spiega il dottor Catanoso – anche grazie alla recente sensibilizzazione attuata tramite internet e social network, allo scopo di intercettare più persone possibili. La piattaforma ci sta inoltre consentendo, come previsto, di risalire ai contatti di caso e dunque ai potenziali infetti dopo che un soggetto si è positivizzato”.

il totale degli accessi a “SMS Coronavirus” è passato in pochi giorni dal 70% iniziale all’80%, a testimonianza delle reazioni incoraggianti degli utenti contattati non più per telefono ma attraverso l’innovativo sistema, la cui finalità, oltre alla comunicazione delle informazioni sul decorso della malattia, è anche quella di assicurare alle persone in isolamento la prenotazione del tampone di controllo.

“E’ bene ricordare ancora una volta – specifica il direttore sanitario di ATS in conclusione – che l’sms indirizza l’utente ad una piattaforma sicura. Pertanto, alla ricezione del messaggio, non bisogna cadere nell’errore di dubitare dello stesso, o credere che possa trattarsi di una truffa. Qui la sensibilizzazione ha già giocato un ruolo fondamentale, ma l’attività deve andare avanti”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127