EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Laveno Mombello | 29 Luglio 2020

Elezioni a Laveno Mombello: anche il centrodestra entra in corsa con Andrea Trezzi

il candidato sindaco, figlio di Sergio, primo cittadino per quindici anni, ha convinto Lega e Forza Italia. Manca il sì definitivo di Fdi dopo il "caso Luino"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Alla candidatura di Paola Sabrina Bevilacqua con cui l’amministrazione uscente ha individuato la figura da proporre agli elettori lavenesi per raccogliere l’eredità di Ercole Ielmini, il centrodestra risponde con un nome che è già ufficiale e che dovrebbe riuscire nell’intento di riunire l’intera coalizione in vista del voto del prossimo 20 settembre.

Una figura a metà tra il nuovo e la tradizione, quella di Andrea Trezzi, “cinquantotto anni, due figli, project manager nel settore dell’oliodinamica in una società di Parabiago, appassionato di canottaggio e podismo e già presidente dell’associazione remiera Cerro Sportiva”, riporta oggi La Prealpina nell’articolo firmato da Gianfranco Giuliani.

Per Trezzi si tratta, come accennato, della prima esperienza in una corsa alle amministrative, ma il suo legame con la politica cittadina è comunque strettissimo grazie al padre, Sergio, storico esponente della Lega e sindaco di Laveno per tre mandati consecutivi, dal 1994 al 2005.

L’accordo di coalizione sul nome di Andrea Trezzi è ormai dietro l’angolo, stando a quello che riporta il quotidiano locale, anche se resta da superare l’ostacolo dettato dagli strascichi di quanto avvenuto a Luino, con la rottura pressoché definitiva tra le stesse forze che nella vicina Laveno sembrano invece aver trovato tutti i presupposti per un percorso condiviso.

Il traguardo è a un passo – scrive La Prealpina riportando i punti chiave dello scenario descritto da Giuliano Besana, consigliere comunale in carica e coordinatore cittadino di Forza Italia – anche se resta l’incognita della posizione assunta nelle ultime ore da Fratelli d’Italia. Il movimento di Giorgia Meloni potrebbe non concedere l’utilizzo del simbolo dopo lo strappo a Luino tra la Lega e il resto della coalizione. Se accadrà, i due esponenti già inseriti nella lista per il consiglio comunale potrebbero decidere di fare un passo indietro o di affrontare una campagna elettorale come ‘indipendenti'”.

(Foto tratta dal sito http://www.cerrosportiva.it/)

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127