Varese | 1 Luglio 2020

“Carenza di personale cronica”, i vigili del fuoco del comando di Varese scrivono alle istituzioni

I rappresentanti sindacali descrivono, tra numeri e disagi, le criticità attuali che penalizzano fortemente l'attività. "Chiediamo soluzioni in tempi celeri"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Il comando di Varese soffre di una carenza cronica di personale, che mette in seria sofferenza lo stesso dispositivo di soccorso costringendo spesso alla riduzione dei supporti (autobotti, autoscale eccetera) su tutte le sedi e addirittura, fatto ben più grave alla chiusura di uno o più presidi sul territorio, il tutto a danno della collettività“.

Così i vigili del fuoco, tramite i rappresentanti sindacali FNS CISL (Massimo Isgrò), CONAPO (Maurizio Marzegan), CGIL (Marco Franzetti) e UIL PA (Rosario Galizia), esordiscono nella lettera che mette in fila tutte le maggiori criticità presenti a livello provinciale. Una lettera inviata tra gli altri al prefetto Dario Caputo, alla Provincia di Varese, a Regione Lombardia e al capo del Corpo nazionale Fabio Dattilo.

Con l’ultima mobilità il territorio attendeva ben quarantacinque nuovi capi squadra, di cui “tre persi per strada – si legge nella missiva – sei non si sono presentati, due sono stati immediatamente trasferiti dal direttore generale a Milano, sei hanno già presentato formale domanda di articolo, quindi ad oggi si prospetta una carenza che a breve raggiungerà le diciassette unità, oltre ai diciotto già in carenza di organico”.

A livello complessivo la situazione conta trentasette trasferiti temporanei e in sostanza, tra sottufficiali e vigili il comando provinciale, lamenta una carenza di cinquantotto unità a fronte di 491 in organico. Circa il 15% del personale operativo. La carenza che si protrae da più tempo è però quella degli autisti, una problematica che, stando al punto di vista degli operatori, ha messo letteralmente in ginocchio il dispositivo, sottraendo per la sopravvivenza del servizio, risorse preziose ad altri reparti.

A fronte di questo quadro, le 360 ore di straordinario assegnate da Regione Lombardia, rispetto alla carenza di 9.744 ore complessive – così si apprende dalla lettera inoltrata alle istituzioni – sono considerate dai vigili del fuoco di Varese, una goccia in un mare di problemi.

Il personale è stufo di questa situazione che costringe a continue sostituzioni, chiusura delle sedi e attività senza supporto. Il tutto crea un carico di lavoro notevole, mettendo in serio stress tutti gli operatori. Chiediamo che vengano trovate soluzioni in tempi celeri, rispetto a quanto sopra evidenziato – si apprende dalle righe conclusive dello scritto -. Prima che qualche vigile del fuoco ci rimetta del suo. Non da meno i cittadini che da noi si aspettano una puntuale e pronta risposta, cosa che ad oggi fatichiamo notevolmente a dare. Risposta che avviene solo grazie allo spirito di abnegazione e sacrificio, ma di fronte a un disinteresse nei nostri confronti sta venendo a mancare”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127