Varese | 14 Maggio 2020

Coldiretti Varese, ai nastri di (ri)partenza gli AgriMercati Campagna Amica

Venerdì torna la spesa contadina a Varese, sabato tocca a Induno Olona. Fiori: “Nei mesi di lockdown, approvvigionamento cibo garantito da agricoltori”

Tempo medio di lettura: 2 minuti

“Buona la prima” a Gallarate dove ieri ha riaperto l’AgriMercato di Campagna Amica. E domani (venerdì 15) tocca a Varese, la città capoluogo, accogliere i produttori di Campagna Amica che, dopo lo stop forzato dall’emergenza Coronavirus, torneranno con banchi e gazebo gialli nello spazio antistante lo stadio a Masnago. Sabato, infine, toccherà a Induno Olona.

Si torna alla normalità, progressivamente e in sicurezza. Per la nostra agricoltura la crisi è stata ed è una dura prova di forza, affrontata con abnegazione e impegno. L’approvvigionamento alimentare nel Varesotto è stato garantito grazie alle migliaia di persone che operano nella filiera alimentare e, in primis, alle imprese agricole che in queste settimane, nonostante i rischi per la salute, hanno continuato a lavorare in piena pandemia, sia rifornendo la filiera, sia con le consegne a domicilio dei propri prodotti. Ora, con l’apertura degli AgriMercati, facciamo un ulteriore passo avanti”.

Lo rimarca Fernando Fiori, presidente di Coldiretti Varese, che pure cita i dati Istat sul commercio al dettaglio nel mese di marzo, con l’alimentare che in controtendenza è l’unico settore in crescita del +3,5% in valore e del +2,1% in volume, su base tendenziale.

“Le nostre imprese continueranno anche nel servizio di consegna a domicilio dei loro prodotti, un’iniziativa che ha avuto da subito un importante riscontro sul territorio e si sta confermando come un importante valore aggiunto anche dal punto di vista sociale: siamo vicini alle famiglie, agli anziani e a tutti coloro che preferiscono non muoversi di casa anche in questa Fase2: l’elenco completo e sempre aggiornato delle nostre imprese che propongono la consegna a domicilio, nonché gli areali di riferimento e i prodotti disponibili, si trovano sul nostro sito internet varese.coldiretti.it”.

La filiera agroalimentare Made in Italy dai campi agli scaffali – sottolinea la Coldiretti prealpina – ha tenuto nonostante la tendenza all’accaparramento e al verificarsi di pericolose file che hanno provocato una impennata degli acquisti al dettaglio. Una vera e propria spesa di guerra con aumenti del 145% negli acquisti di farina, +78% arance, +60% mele, +57% mozzarella, +57% uova, +32% formaggi, +31% salumi, +25% riso, latte +22% e +14% pasta secondo elaborazioni Coldiretti su dati Ismea/Nielsen. Uno sforzo importante della filiera che è riuscita a garantire le forniture nonostante le difficoltà con quasi sei aziende agricole su dieci (57%) che stanno affrontando una situazione di crisi secondo l’analisi Coldiretti/Ixe’.

Le vendite dirette dei produttori di Campagna Amica nel Varesotto “alimentano un indotto e garantiscono lavoro e futuro a centinaia di persone, con i mercati che oltre a essere luogo di acquisto diventano anche occasioni di educazione e cultura sono un aiuto concreto per contrastare la tendenza allo spopolamento dei centri urbani dove chiudono negozi e botteghe con evidenti effetti negativi legati alla taglio dei servizi di prossimità, ma anche un indebolimento del sistema relazionale, dell’intelaiatura sociale e spesso anche della stessa sicurezza. Acquistare prodotti a chilometri zero è un segnale di attenzione al proprio territorio, alla tutela dell’ambiente e del paesaggio che ci circonda, ma anche un sostegno all’economia e all’occupazione locale in un momento di difficoltà”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127