Germignaga | 1 Gennaio 2020

Germignaga, ancora danni alle luminarie sul San Giovanni. Ragazzi scoppiano bombe carta

Gli atti vandalici sono avvenuti la scorsa notte nei pressi del Bar dei Pescatori, che ieri aveva accolto centinaia e centinaia di persone per "Se brüsa ul Vécc"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Dopo la splendida manifestazione del “Se brüsa ul Vécc”, che ha visto partecipare a Germignaga, nei pressi del Bar dei Pescatori, centinaia e centinaia di persone, prima del fatidico cenone, ancora una volta il paesino lacustre è stato colpito da giovani incivili, come avvenuto nel gennaio di due anni fa.

Il passaggio dal vecchio al nuovo anno è sancito a Germignaga da un appuntamento ormai storico, organizzato dalla Pro Loco e dell’amministrazione comunale, con il falò del 31 dicembre che dà alle fiamme il celebre pupazzo al Cantun. Una serata in cui tutti i partecipanti si sono ritrovati per farsi gli auguri con un brindisi e per assaporare una fetta di panettone o le caldarroste, sapientemente preparate dagli appartenenti alla Pro Loco.

Una volta terminato il falò e lo spettacolo pirotecnico tutta la zona si è svuotata, qualcuno è tornato a casa e altri, invece, erano diretto a mangiar fuori con amici e parenti. Intorno all’una di notte, però, alcuni giovani, presumibilmente dai 17 ai 20 anni, sono arrivati nei pressi del torrente San Giovanni, dove qualche ora prima si era tenuta la tradizionale iniziativa.

I ragazzi hanno preso di mira le luminarie che colorano di Natale il letto del torrente, ammaliando cittadini, turisti e soprattutto i bambini in questo periodo di festività con colori e un’atmosfera che si respira solo al Damin. È proprio lo staff del Bar dei Pescatori, infatti, grazie ad Eurosia e Gianluca, che ogni anno si impegna per vestire il corso d’acqua di Natale.

I giovani hanno fatto saltare ben 80 metri di luminarie e, non contenti, hanno fatto esplodere anche alcune bombe carte, prendendosela anche con gli appartenenti dello staff del locale in modo volgare, che invece li stavano invitando a smetterla.

Oltre al grave danno che, come nel 2018, hanno spento i riflettori del Natale sul San Giovanni, ancora una volta ci ritroviamo qui a fare i conti con giovani che non hanno rispetto di niente e di nessuno, soprattutto per quanto riguarda il bene comune e nei confronti dei tantissimi animali presenti in zona, che a causa dei forti botti erano a dir poco spaventati.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127