Luino | 19 Dicembre 2019

“Luino 5 Stelle” ribatte ancora alla Canottieri sul caso mutuo: “Frainteso il senso del nostro intervento”

"Le critiche andrebbero rivolte all'amministrazione", affermano i pentastellati nel ribadire le reali perplessità sui 300mila euro per la nuova vasca voga

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Non intendiamo rivolgerci a Manzo per una replica, proprio perché l’argomento è politico e non mirato a sport o associazioni. La nostra posizione sarebbe stata equivalente se il mutuo, anziché a Lido e Canottieri, fosse stato destinato in questa fase di fine mandato a qualsivoglia edificio o attività di carattere non emergenziale“.

Inizia così la lettera di risposta al presidente della Canottieri, Luigi Manzo, inoltrata alla redazione dal gruppo di attivisti “Luino 5 Stelle“, che arriva dopo la dura presa di posizione dello stesso Manzo nata dalle considerazioni dei pentastellati sul mutuo di 300mila euro voluto dal Comune per favorire la realizzazione di una vasca voga presso la sede della società.

Una scelta, quella dell’amministrazione, che si inserisce come nuovo capitolo in un progetto di riqualifica del centro remiero iniziato nel lontano 2013, e indirizzato al potenziamento degli strumenti, dell’offerta sportiva ma anche dei risvolti turistici legati all’attività della Canottieri, vero punto di riferimento, non solo sul Verbano, per la disciplina.

Aspetti che, nell’ottica degli attivisti grillini, non giustificherebbero un simile stanziamento di risorse, che arriva per giunta in concomitanza con un altro mutuo acceso da Palazzo Serbelloni, quello per la prima tranche di lavori al complesso Lido. Da qui le perplessità comunicate attraverso la lettera degli scorsi giorni, alla quale il presidente Manzo ha risposto accusando gli attivisti di voler attuare ragionamenti senza conoscere la materia, nonché di farlo esclusivamente per finalità elettorali, andando a coinvolgere anche la storia e il prestigio sportivo della Canottieri, che nulla hanno a che vedere con la politica.

Crediamo che le critiche del presidente vadano rivolte perlopiù all’amministrazione – rispondono oggi i pentastellati – capace di proclamare mutui senza dedicare semmai un appropriato approfondimento. Quindi, al di là della colorita reazione, rinnoviamo il rispetto e l’ammirazione per la realtà rappresentata dalla Canottieri Luino sul territorio, certi che il presidente faccia l’interesse dell’associazione senza bisogno di mostrare nervosismo ma utilizzando il fairplay abitualmente raccomandato nel mondo sportivo.”.

Non c’è stato da parte del gruppo Luino 5 Stelle uno studio dettagliato dello sviluppo recente della Canottieri, come evidenziato da Manzo nella sua risposta, “ma non era necessario prendere atto di alcun documento per comprendere il carattere e il focus del nostro comunicato – spiegano ancora gli attivisti – di certo non intendeva contrastare l’azione sportiva come in primis premesso nel pezzo“.

L’installazione di una nuova vasca voga non costituisce di per sé l’oggetto dello scambio di battute tra i pentastellati e la società. Non sono in altri termini le dinamiche legate alla disciplina, così come all’attività degli atleti, ad aver generato gli interrogativi resi pubblici attraverso la lunga lettera di sabato scorso, bensì il rapporto tra l’entità economica della misura e la fase specifica della vita amministrativa di Luino in cui è stata adottata.

Ci rammarichiamo per il malinteso – affermano in conclusione gli esponenti 5 Stelle della città lacustre – e rivendichiamo al contrario la nostra attenzione al mondo dello sport e delle associazioni, che arricchiscono e danno lustro al nostro territorio peraltro impegnando ogni generazione in un percorso di salute, disciplina e buoni principi”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127