Luino | 23 Novembre 2019

Maltempo nell’alto Varesotto, chiuso il ponte tra Luino e Germignaga

Disposta da Anas e dai Comuni la chiusura del ponte intorno alle 2. Monitoraggio tutta la notte. Attenzione alla diga di Creva, lago Ceresio fuori ad Agno e Lugano

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Le abbondanti precipitazioni che stanno colpendo tutto il nord della provincia di Varese, in questi giorni, hanno cominciato a creare i primi problemi sul territorio luinese e sull’alto Varesotto già da questa mattina.

Se già ieri sera si sono verificati i primi disagi sulla Strada provinciale 11, tra i Comuni di Valganna e di Bedero Valcuvia, al risveglio stamane, sabato 23 novembre, ad essere monitorata è la situazione tra Luino e Germignaga, lungo il ponte che sulla S394 attraversa il Tresa e il Margorabbia, dove i due fiumi si congiungono per poi immettersi nel lago Maggiore.

Per questa ragione il sindaco e il vicesindaco di Germignaga, Marco Fazio ed Emanuele Borin, sono stati tutto il giorno in contatto con i colleghi di Luino, Andrea Pellicini e Alessandro Casali, predisponendo un piano: oltre ad effettuare alcuni sopralluoghi sul ponte, insieme a tecnici comunali e ai volontari della Protezione civile, per garantire l’incolumità degli automobilisti. Dopo una verifica effettuata intorno alle 17.30, il ponte rimarrà è rimasto ancora aperto, ma a intorno alle 20, a seguito di un sopralluogo di Anas, è stata disposta la chiusura del ponte. Anche la Prefettura di Varese è stata allertata.

Nella scorsa notte, il livello di Tresa e Margorabbia è salito di quasi un metro e mancano ormai una cinquantina di centimetri all’acqua per lambire la struttura del ponte. Dalla diga di Creva stanno uscendo 150 metri cubi di acqua al secondo che arriva dal lago Ceresio, mentre il punto più basso del lago a Laveno Mombello resiste, mancano 70 centimetri dell’esondazione. Attenzione particolare al Boesio, presso l’Ospedale di Cittiglio, dove il corso d’acqua è sorvegliato speciale.

Entrambe le amministrazioni invitano cittadini e automobilisti a prestare la massima attenzione alla guida, anche dopo il bollettino meteo emesso ieri dalla Protezione civile di Regione Lombardia, e a percorrere via Fornara/via Francesco Huber e la strada del Cucco per e verso Luino e la Valcuvia. Al momento, invece, non desta preoccupazione il livello del lago, mentre non è così per il lago Ceresio, dove ad Agno e Lugano le acque hanno cominciato ad invadere i marciapiedi.

Almeno fino a domani sera non è prevista una tregua, e per questo sia l’allerta che il monitoraggio restano prioritari.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127