Luino | 8 Luglio 2019

Luino, i vertici di Confcommercio ospiti a Palazzo Verbania

Tappa lacustre questa mattina per il consiglio di presidenza Uniascom. Sinergia vincente con la città, Vitella: "Cultura e lavoro uniti nel nome di Sereni"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

I vertici di Confcommercio della provincia di Varese sono stati ospiti nella mattinata di oggi, lunedì 8 luglio, presso Palazzo Verbania a Luino. La tappa lacustre del consiglio di presidenza Uniascom e delle cinque Ascom territoriali è stata l’occasione per riunirsi al piano terra, nella splendida sala conferenze e, al termine dei lavori, per pranzare al primo piano con vista lago.

A fare gli onori di casa il sindaco Andrea Pellicini e il suo vice Alessandro Casali. Insieme a loro Alberto Frgierio del Lions Club Luino. L’amministrazione ha voluto aprire ufficialmente le porte del suo piccolo-grande gioiello a Confcommercio. Un gesto di vicinanza e di amicizia nei confronti di una associazione con la quale la giunta Pellicini collabora da tempo e in maniera sempre costruttiva. Ultimo esempio, il grande show dei fuochi artificiali dello scorso 29 giugno.

Presenti per l’occasione il presidente di Uniascom Giorgio Angelucci, il segretario generale Sergio Bellani, il presidente nazionale di Fimaa Santino Taverna, il vice presidente di Uniascom e presidente di Ascom Busto Arsizio, Rudy Collini. Oltre a loro, il presidente di Ascom Saronno Bruno Guffanti, i direttori di Varese (Roberto Quamori Tanzi), di Gallarate (Gianfranco Ferrario), di Saronno (Roberto Carrettoni). Oltre ovviamente al direttore di Ascom Luino (Luca Gobbato) e al presidente Franco Vitella.

Oggi abbiamo unito il lavoro alla tradizione e alle nostre radici – ha spiegato Vitella -. Abbiamo dato vita ad un momento culturale che racchiude tutto, perché qui a Palazzo Verbania viene raccontata la straordinaria storia di Vittorio Sereni, una delle più grandi personalità che la nostra provincia abbia mai prodotto“.

La delegazione di Confcommercio ha infatti visitato il museo dedicato dopo il restauro dell’ex Kursaal all’immenso poeta luinese, unanimemente definito tra i più grandi del Novecento. Non a caso tra i 25mila “fogli” scritti di suo pugno, compaiono anche le corrispondenze con Saba, Quasimodo, Ungaretti, Montale, solo per citarne alcuni. Un vero e proprio gioiello all’interno del quale brilla lo studio di Sereni, con la sua scrivania e i suoi libri, e soprattutto la sua macchina da scrivere, donato ai Lions dalla famiglia del letterato. E all’ultimo piano, ennesima chicca: due sale con video proiezioni e poi il caveau all’interno del quale vengono custoditi a temperatura costante, e in attesa della completa digitalizzazione, i manoscritti più preziosi.

Un museo straordinario, ennesimo fiore all’occhiello di questa parte del Varesotto che Confcommercio della provincia di Varese, attraverso Ascom Luino, continuerà a valorizzare con la sua presenza e con il suo contributo, sempre finalizzato alla promozione locale e al definitivo rilancio del tessuto commerciale.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127