Maccagno | 21 Giugno 2019

Maccagno, situazione critica per l’incubatoio: “Non c’è più tempo, intervenite”

Lo sfogo dei pescatori dell'associazione Alto Verbano: "La struttura ha i giorni contati". Un mese fa la visita del consigliere regionale Giacomo Cosentino

La pazienza si rinnova da tempo all’incubatoio ittico “La Madonnina” di Maccagno, dove i pescatori dell’associazione Alto Verbano continuano a sperare in un futuro fatto di certezze per la sopravvivenza dell’importante struttura. A venire meno, sempre di più, sono però le possibilità economiche di estendere la pratica della piscicoltura in autonomia.

In altre parole la situazione, dopo mesi e mesi di appelli alle istituzioni, è davvero critica. Il messaggio lanciato oggi dai pescatori, attraverso le pagine del quotidiano La Prealpina, lo è ancora di più: “L’incubatoio ha i giorni contati”.

Circa un mese fa si era svolta l’ultima visita sul territorio degli esponenti di Regione Lombardia, rappresentati in occasione della campagna elettorale pre Europee dal consigliere Giacomo Cosentino. Tra agosto e dicembre dello scorso anno, invece, era stato acceso lo scambio di battute tra i rappresentanti della struttura, delusi dalle ripetute promesse di attenzione che non si sono mai concretizzate.

A rendere difficile – e ora quasi impossibile – la sopravvivenza dell’incubatoio, è stato tre anni fa il ridimensionamento delle province, considerando che era proprio l’ente di Villa Recalcati a stanziare i fondi per il mantenimento dell’attività, la cui erogazione si è interrotta in seguito alla riforma. Da questo punto in avanti – seguendo il racconto dei pescatori e la testimonianza delle grandi difficoltà nel mandare avanti l’incubatoio esclusivamente attraverso le donazioni del gruppo – solo tante parole e pochi contributi effettivi da parte della politica.

Lo stallo prolungato, inoltre, sta compromettendo le dinamiche di lavoro dell’associazione, che ad esempio non può sostenere i costi per la sostituzione del refrigeratore per le uova delle trote, o per il cambio resosi necessario dell’impianto per il prelievo dell’acqua dal fiume Giona.

Ad oggi abbiamo ricevuto aiuto solo dai comuni di Maccagno, Cittiglio e da quelli dell’Unione dei Comuni Lombarda Prealpi – spiegano i membri dell’associazione attraverso le pagine del quotidiano locale -. Ci spiace constatare come Luino, che è poi il comune dove c’è più acqua e dove vengono immessi più pesci, non abbia battuto nessun colpo per chiederci in che modo poter essere da aiuto. Abbiamo visto qualcuno solo il giorno in cui abbiamo posato le fascine per il ripopolamento del pesce persico sul Maggiore, evento patrocinato dal municipio, ma di sostegni concreti nessuno. Questo nonostante il nostro costante impegno per il lago che tanto viene decantato dai politici in questi giorni con il bell’affaccio di Palazzo Verbania, quel lago e quelle scene di pesca che si trovano in molti racconti di Piero Chiara e Vittorio Sereni”.

Cultura, tradizione e identità sono valori che si ricollegano dunque anche agli sforzi compiuti per salvaguardare le specie che popolano le nostre acque, e garantirne la riproduzione: questo il messaggio che pare emergere con orgoglio, e che viene contrapposto dai pescatori all’indifferenza.

Lo stesso discorso vale per Germignaga – sottolineano in conclusione -. Ci preme anche suggerire, visto il gran parlare di turismo a Luino, di osservare cosa avviene in Trentino attorno al ‘mondo della trota’, il quale attira centinaia di migliaia di appassionati ogni anno che si recano nei posti curati da persone ed associazioni come la nostra, che puliscono i fiumi, ripopolano i corsi d’acqua e fanno da sentinelle all’ambiente”.

Al consigliere Cosentino e al presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, vanno i ringraziamenti dell’associazione per il recente interessamento. Ma ora il tempo sta davvero per esaurirsi.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127