Canton Ticino | 5 Giugno 2019

AlpTransit, galleria del Monte Ceneri: perquisizioni, interrogatori e sequestri nei cantieri

Dopo le prime verifiche di metà maggio, nuovi accertamenti su presunte irregolarità tra Camorino, Sigirino e Bellinzona. Proseguono così le indagini

Tempo medio di lettura: 1 minuto

In relazione alle presunte irregolarità nel cantiere AlpTransit della galleria del Monte Ceneri (come raccontato lo scorso 15 maggio), il Ministero pubblico e la Polizia cantonale comunicano che nel corso della giornata di ieri, martedì 4 giugno, si è proceduto a una serie di perquisizioni, interrogatori e sequestri di materiale.

L’operazione si è svolta a Camorino, Sigirino e Bellinzona, in collaborazione con gli ispettori dell’Ufficio dell’Ispettorato del lavoro (UIL) e della Commissione paritetica svizzera per le costruzioni ferroviarie. Gli accertamenti sono finalizzati a comprendere se sussistano i presupposti di reati di natura penale e violazioni delle disposizioni legali in materia di contratti o permessi di lavoro.

Il dispositivo ha permesso di evidenziare possibili anomalie a livello di sicurezza, che saranno ora oggetto di approfondimenti da parte delle autorità competenti. Complessivamente le persone controllate sono state 57. Ulteriori atti istruttori verranno valutati nei prossimi giorni in base anche all’esito delle verifiche odierne.

L’inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Andrea Gianini. Dal momento che occorre tener conto della tutela dei lavoratori e del segreto istruttorio, non verranno per ora rilasciate ulteriori informazioni. (Foto © alptransit.ch)

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127