Curiglia con Monteviasco | 13 novembre 2018

Tragedia a Curiglia, la comunità si stringe attorno a Silvano e alla sua famiglia

L'uomo, 60enne residente a Dumenza, per oltre vent'anni vigile urbano a Maccagno. Grande appassionato della funivia. "Lascia un grande vuoto, persona esemplare"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Un grande omaggio è quello che tutta la comunità del territorio luinese, da una valle all’altra, sta rivolgendo a Silvano Dellea, 60enne residente a Dumenza e originario di Curiglia con Monteviasco, spirato ieri pomeriggio. Se alla Val Dumentina Silvano era legato da una questione di cuore, alla Veddasca lo era per lavoro, imparandola a conoscerla e a spendersi quotidianamente, dopo vent’anni trascorsi a ricoprire il ruolo di agente della Polizia Locale di Maccagno con Pino e Veddasca.

Una tragedia, quella che si è consumata ieri intorno alle 15, quando la funivia che tanto amava, della quale era appassionato, lo ha tradito per l’ultima volta, quella fatale, mentre stava effettuando alcuni lavori di manutenzione e di controlli all’interno dell’impianto di risalita a Piero. Un incidente che non gli ha lasciato scampo e che ha lasciato incredule tante persone che lo conoscevano. Centinaia e centinaia gli utenti che, soprattutto sui social, hanno riversato il loro dispiacere, con un piccolo ricordo o un sentito omaggio.

“Una triste notizia che mi spezza il cuore – commenta il sindaco di Curiglia con Monteviasco, Ambrogio Rossi -. Non mi spiego come sia possibile, era un esperto della funivia, il nostro punto di riferimento per risolvere qualsiasi criticità. Era più piccolo di me di vent’anni, ma posso dire che siamo cresciuti insieme. Per me è un grande dolore”.

Dello stesso parere anche il sindaco di Maccagno con Pino e Veddasca, Fabio Passera, che con lui condivideva la quotidianità del territorio del paese lacustre, dove Silvano era conosciuto da tutta la comunità: “Quando si è sparsa la voce della tragedia in comune è calato il silenzio – racconta commosso il primo cittadino maccagnese -. Siamo distrutti per quanto avvenuto. Lo so, si dice sempre così, ma non sono frasi fatte: Silvano era una persona speciale all’interno del nostro gruppo, arrivava ovunque con le sue mani d’oro e ci regalava sempre un sorriso con la sua grande professionalità. Ci lascia un enorme vuoto che sarà difficile da colmare, per lui non c’erano problemi, era in grado di risolvere tutto”.

“Ciao Silvano ci siamo visti di sfuggita stamattina (ieri, ndr) – scrive il funzionario comunale di Maccagno con Pino e Veddasca ed ex amministratore luinese, Vincenzo Liardo -. Non avrei mai pensato che sarebbe stata l’ultima volta. Eri una persona buona, un caro amico e collega. Ci conoscevamo fin da piccoli. Mi mancherai ci mancherai tantissimo. Come scrissi tanto tempo fa a un altro caro amico, che se ne andò troppo presto, dico anche a te: non so dove non so quando ma sono certo che un giorno ci ritroveremo e sarà festa e gioia per sempre. Riposa in pace amico mio”.

Ancora nessuna notizia sul giorno dei funerali. Attualmente la salma è a disposizione dell’autorità giudiziaria, ma non è ancora chiara la dinamica dell’incidente. Saranno gli ulteriori accertamenti a stabilire se sia stato un malore ad aver causato l’incidente o se sia stata solo una tragica fatalità.

Il 60enne, residente a Dumenza, lascia la moglie e la giovane figlia. Il grave lutto trova la nostra redazione sensibilmente vicina alla famiglia di Silvano e dei suoi cari.

-->
"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127