EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Milano | 6 Agosto 2018

Continua la crisi della Comunità Montana, da Regione nessun commissariamento. Castoldi: “Sono fiducioso”

Questa mattina l'incontro al Pirellone con l'assessore Sertori, che ha rassicurati l'esponente leghista e sindaco di Rancio Valcuvia. "Al lavoro per un nuovo assetto"

Rancio Valcuvia, il sindaco Castoldi:
Tempo medio di lettura: 2 minuti

Dopo le dichiarazioni dei consiglieri regionali Giacomo Cosentino, Emanuele Monti e Angelo Palumbo, tutti esponenti della maggioranza guidata dal Governatore Attilio Fontana, acqua sul fuoco, in questa estate rovente, sul futuro della Comunità Montana Valli del Verbano.

Questa mattina, infatti, il sindaco di Rancio Valcuvia ed esponente locale della Lega, Simone Castoldi, ha incontrato al Pirellone Massimo Sertori, assessore agli Enti locali, montagna e piccoli comuni di Regione Lombardia, con l’obiettivo di fare chiarezza sul ruolo del Pirellone in merito al futuro di Comunità Montana, senza presidente dallo scorso mese di maggio, in seguito alle dimissioni del sindaco di Cuveglio, Giorgio Piccolo.

“Ringrazio l’assessore Sertori per la disponibilità dimostrata e per la posizione della Regione – racconta il sindaco Castoldi -. Massima tranquillità, quindi, sull’ipotesi del commissariamento, che avverrà nel caso in cui non trovassimo una quadra sulla nuova amministrazione. Da fine luglio, giorno in cui Regione Lombardia ha ricevuto la nota istituzionale dalla Comunità Montana, abbiamo sessanta giorni di tempo“.

“L’importante era fare chiarezza da entrambe le parti – continua Castoldi -. In primo luogo noi sindaci che ci impegneremo tra agosto e settembre a trovare un nuovo equilibrio, e poi Regione, che invece non ci ha messo nessuna fretta ma ha fatto solo una valutazione politico-amministrativa. Io sono fiducioso, spero che nel mese di settembre riusciremo a trovare una soluzione, con un nuovo assetto che ci porterà ad avere una maggioranza più allargata possibile“.

Fino alla fine di agosto, infatti, la politica si fermerà, e saranno gli incontri informali dopo le vacanze a gettare le basi per un nuovo mandato esplorativo che possa portare all’accordo tra i sindaci del territorio. Nel frattempo a ricoprire il ruolo è ancora Giorgio Piccolo, ma per espletare le attività di ordinaria amministrazione.

Con uno sguardo al 2019, quando tanti comuni del nord della Provincia andranno al voto, è impossibile fare previsioni sui numeri e su chi entrerà a far parte della maggioranza e della giunta dell’ente. Di sicuro c’è la volontà, espressa da tanti amministratori, di trovare un accordo il più possibile condiviso da tutti. Per il bene del territorio.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127