Luino | 24 Luglio 2017

L’arcivescovo Mario Delpini inizia il suo pellegrinaggio dal decanato di Luino

Tra i 73 decanati della diocesi di Milano, monsignor Delpini ha scelto di cominciare il suo pellegrinaggio nelle Chiese del territorio luinese

L'arcivescovo Delpini inizia il suo pellegrinaggio dal decanato di Luino
Tempo medio di lettura: 3 minuti

Si è svolta questa mattina, lunedì 24 luglio, la visita dell’arcivescovo eletto di Milano, mons. Mario Delpini, al decanato di Luino.

Accompagnato dal decano e prevosto di Luino, don Sergio Zambenetti, il nuovo arcivescovo della Chiesa ambrosiana, è partito dalla Chiesa Parrocchiale di Curiglia alle 7 per concludere poco dopo mezzogiorno al Santuario del Carmine di Luino la sua prima visita da arcivescovo.

Delpini ha visitato la Chiesa parrocchiale dei Due Cossani, la Chiesa delle Romite di Agra, la Chiesa parrocchiale di Pino, il Santuario della Punta di Maccagno, le Chiese Parrocchiali di Germignaga, Domo Valtravaglia, Castelveccana, Mesenzana e, prima di arrivare al Carmine, il Santuario della Madonna del Buon Consiglio di Grantola.

Tra i 73 decanati della diocesi di Milano, mons. Delpini ha scelto di cominciare il suo pellegrinaggio nelle Chiese della nostra terra dal più lontano, quello cioè di Luino, perché come sottolinea molto spesso Papa Francesco, bisogna partire dalle periferie e farle sentire al centro, come si trova scritto nei Vangeli.

“Ho iniziato oggi il pellegrinaggio tra le chiese della diocesi di Milano, partendo dal decanato di Luino – spiega l’arcivescovo Delpini salutando i fedeli al Santuario del Carmine di Luino -. Questo è un viaggio che mi permette di visitare tutti i luoghi di devozione alla Madonna, per avere la sua benedizione, incoraggiarmi e sostenermi in questo mio compito. E’ stato molto bello incontrare tutti i preti del territorio, insieme al decano, per condividere un momento di preghiera molto intenso per me”.

“Stiamo vivendo settimane intense dal punto di vista spirituale e tutti ce ne siamo accorti – dichiara il prevosto e decano di Luino don Sergio Zambenetti – dalla settimana mariana con la presenza della statua della Madonna di Fatima alla Festa del Carmine. La nomina del nuovo arcivescovo ci rallegra e ci apre alla speranza. Lo avevamo incontrato il 3 luglio presso il Santuario del Carmine dove ha consegnato la lettera conclusiva della visita pastorale del cardinal Scola con le linee guida per il prossimo futuro, tra cui l’indicazione di costituire la Comunità Pastorale tra le cinque parrocchie di Luino (Luino, Colmegna, Motte, Creva e Voldomino). E’ stato molto bello e significativo pregare con il nuovo arcivescovo stamane nelle Chiese del Decanato ed è stato per me un onore essere l’accompagnatore di monsignor Delpini in questo pellegrinaggio di preghiera e devozione nelle chiese del nostro decanato”.

“Conosco mons. Mario Delpini da alcuni anni e sono certo farà molto bene come nuovo arcivescovo – spiega l’ex presidente del Consiglio Comunale di Luino e già membro del Consiglio Pastorale Parrocchiale Alessandro Franzetti – il nostro nuovo pastore è una persona molto colta, delicata e attenta alle persone e conosce molto bene tutti i preti della diocesi; è stato stretto collaboratore degli ultimi tre arcivescovi di Milano e ne sarà il degno successore. Mi piace molto il suo gusto per le cose essenziali, la sua intelligente e talvolta spiazzante ironia e autoironia e il fatto che si faccia chiamare semplicemente don Mario. Insomma, un vero pastore con l’odore delle pecore, sulla linea della Chiesa di Papa Francesco”, conclude Franzetti.

Mons. Mario Delpini è nato nel 1951 a Gallarate e ha vissuto i primi anni della sua vita nella sua parrocchia di Jerago con Orago in provincia di Varese. Viene ordinato sacerdote nel 1975 dal cardinal Giovanni Colombo, arcivescovo di Milano. Dal 1975 al 1987 insegna nei seminari diocesani e ottiene la laurea in lettere, la licenza in teologia e il diploma in Scienze Teologiche e Patristiche. Dal 1989 diviene rettore prima del seminario minore, poi del quadriennio teologico e infine è rettore maggiore dei seminari ambrosiani fino al 2006. Nel 2006 il cardinal Dionigi Tettamanzi lo nomina vicario episcopale per la zona pastorale di Melegnano e lascia gli incarichi in seminario. Nel 2007 Papa Benedetto XVI lo nomina vescovo ausiliare di Milano; nel 2012 l’arcivescovo Angelo Scola lo nomina vicario generale della diocesi e nel 2014 vicario episcopale per la formazione permanente del clero. Il 7 luglio 2017 Papa Francesco lo nomina arcivescovo metropolita di Milano, succede al cardinal Scola, dimessosi per raggiunti limiti di età.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127