4 Settembre 2015

Afghanistan, a Herat avvelenate 134 studentesse da fondamentalisti islamici

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Ci sono Paesi, dove anche studiare è un lusso e dove non è permesso farlo liberamente. E’ l’agenzia di stampa afghana Pajhwok a riferire del terzo caso di avvelenamento a Herat in pochi giorni, che ha coinvolto 134 studentesse della scuola femminile di Babaj, nel distretto di Injil. Nessuna delle ragazze, però, risulta essere in pericolo di vita.

(rwdoa.org.af)

(rwdoa.org.af)

Afghanistan, a Herat avvelenate 134 studentesse dai fondamentalisti islamici. A Herat 134 persone, tra studentesse e insegnanti, della scuola femminile Babaj, nel distretto di Injil, sono svenute e sono state ricoverate in ospedale con sintomi di avvelenamento. Tra le 134 persone, di età compresa tra gli otto e i 35 anni, c’è anche la preside della scuola. Nessuno sarebbe in pericolo di vita. Alcune studentesse hanno riferito di aver avvertito un cattivo odore appena entrate in classe, di essere state colte da vertigini e nausea. “Appena entrata in classe ho sentito un cattivo odore, molto forte. Arrivata a casa sono svenuta”, ha detto Nazia, una delle allieve della scuola.

Rabbia tra i genitori: “Autorità indifferenti”. Intanto cresce la rabbia tra i genitori, che criticano “l’indifferenza” delle autorità nonostante il susseguirsi di attacchi. Tre giorni fa 130 persone – tra studentesse e insegnanti – della scuola femminile Habib-Al-Mustafa, nello stesso distretto di Injil, sono finite in ospedale con sintomi di avvelenamento. Ieri, stessa sorte per un altro gruppo di circa 60 giovani dell’istituto. “Chiedo al governo di garantire la sicurezza delle nostre figlie e di catturare e punire i responsabili degli attacchi”, ha detto Aziz Gul, madre di una studentessa. Syed Azim Kubrzani, esponente del consiglio provinciale di Herat, ha invece chiesto “l’aiuto della Nato” perché “purtroppo le autorità locali non riescono a chiarire quale sia il gas usato negli attacchi”.

Nelle scuole femminili dell’Afghanistan, dove i gruppi fondamentalisti si oppongono all’istruzione delle ragazze, si registrano di frequente casi di avvelenamento. Solo a giugno i media afghani hanno dato notizia di tre casi di avvelenamento di studentesse. (ADNKRONOS)

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127