EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Leggiuno | 27 Settembre 2021

Elezioni a Leggiuno, “Sottoscrivere un patto per la mobilità prealpina e del lago Maggiore”

È il candidato sindaco Introini a lanciare la proposta tramite una lettera aperta: “Reintrodurre anche il treno passeggeri sulla linea Sesto Calende-Novara”

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Con la campagna elettorale che si avvia ormai verso le ultime battute, da Leggiuno è il candidato della lista numero 1, Stefano Introini, a lanciare un altro messaggio non solo alla comunità locale, ma anche all’intero territorio: una lettera aperta sul tema dei collegamenti ferroviari e della linea AlpTransit. Di seguito il testo integrale.

Leggiuno e ALPTRANSIT significano passaggi a livello spesso chiusi, stazione abbandonata e vandalizzata, treni con merci anche pericolose e lavori alle arcate del viadotto ferroviario di Cobbione. Vogliamo parlarne?

Come candidato sindaco di Leggiuno tante sono le sollecitazioni per un impegno concreto e strutturato per garantire servizi ferroviari efficienti su Milano – Malpensa / Bellinzona ma anche per il ripristino del treno passeggeri su Sesto Calende – Novara. Una candidatura tecnica, con specifiche competenze in materia di mobilità sostenibile ci pone come LISTA n. 1 e anche per il nome ”Leggiuno per il lago Maggiore” di fronte alla responsabilità di agire e far sentire la voce qui da Leggiuno, sia per essere al centro del lago ma anche per essere il paese di Santa Caterina.

Per spiegarci meglio in un linguaggio comprensibile anche ai non addetti ai lavori, in Svizzera si va completando il programma NFTA, la nuova ferrovia transalpina con enormi investimenti sulle linee ferroviarie sia per il traffico merci che per il traffico passeggeri; da noi questo programma, evocato come ALPTRANSIT, suona come un tetro presagio di interruzioni alla circolazione stradale nei passaggi a livello, a Sangiano se ne contano sei, invece in Svizzera ci si compiace di avere completato, con l’apertura della galleria del basso Ceneri, lo scorso 4 settembre 2020.

Ora il Ticino è il crocevia del traffico anche passeggeri con evidenti ed importanti riflessi per l’accessibilità al Lago Maggiore che vede Locarno collegato in soli 30 minuti con Lugano (nuova linea RE 80) e una rinnovata offerta di 6 treni al giorno per tratta sulla linea Zurigo-Monaco di Baviera. In Italia, ma anche a Leggiuno, si vede solo l’incremento dei treno merci e si sente parlare di sottopassi e sovrappassi stradali per alleviare i disagi dall’incremento dei merci.

Ecco che proprio a partire da Leggiuno, grazie all’esperienza maturata a Luino dove ho avuto il piacere di lavorare per anni con Amministratori sempre attenti alle tematiche della mobilità, propongo con questa lettera aperta un formale impegno a tutte le Istituzioni, Autorità, Organismi e Società impegnate nel settore di sottoscrivere il “patto di Leggiuno Santa Caterina per la mobilità prealpina e del lago Maggiore”, a partire da questi tre punti:

1. Roadmap, incontro degli Stati Generali della Mobilità per capire dove siamo e dove stiamo andando con le politiche di investimento sul trasporti pubblici.
2. Impegno per il miglioramento ed efficientamento dei servizi assicurando:
– Almeno 4 treni treni veloci garantiti sulla linea Luino – Gallarate;
– Rinnovamento e convenzioni con i Comuni per la qualificazione delle stazioni, anche al casello Sangiano, Leggiuno, Monvalle, Caravate;
– Introduzione delle macchine erogatrici fast ticket Trenitalia, anche a Leggiuno;
3. Treno d’acqua dolce: reintroduzione del treno passeggeri da Leggiuno a Sesto Calende agevolando mediante la cosiddetta “bretella di Sesto” i collegamenti con Novara e Arona-Domodossola.

Siamo in campagna elettorale, in Italia ma anche a Leggiuno, e ben comprendendo l’imbarazzo per una pronta risposta questa lettera aperta resta la formale promessa per un immediato impegno della mia Amministrazione appena eletta.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127