EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Sport | 4 Maggio 2021

Le città che dovevano ospitare le squadre olimpiche fanno marcia indietro

Centinaia di città e paesi giapponesi sono stati costretti a fare marcia indietro a causa della difficile situazione che si sta vivendo nel mondo

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Le prossime Olimpiadi si avvicinano e con esse, anche gli scommettitori si preparano. Se non avete ancora un sito preferito su cui scommettere, potete compilare il formulario di iscrizione gratuito che trovate in questa pagina, per sceglierne subito uno adatto alle vostre esigenze.

Lo sport intanto va avanti, nonostante tutto. Tuttavia, le notizie che arrivano dalla sede delle prossime Olimpiadi, non sono delle migliori.

Cosa sta succedendo nel paese del Sol Levante

Centinaia di città e paesi giapponesi sono stati costretti a fare marcia indietro a causa della difficile situazione che si sta vivendo nel mondo. Questo soprattutto perché le apparizioni pubbliche richiederebbero misure di sicurezza troppo costose per loro.

La città occidentale di Okuizumo, ad esempio, ha speso più di 5 milioni di dollari per prepararsi ad accogliere la squadra di hockey indiana.

Ma dopo aver investito denaro per potenziare gli impianti sportivi, Okuizomo si è tirata indietro nel momento in cui ha saputo di dover rafforzare ancora di più le misure di sicurezza.

“Volevamo che una delle squadre più titolate del mondo visitasse la nostra città e mostrasse le loro abilità ai bambini del porso”, ha detto all’AFP il funzionario della città Katsumi Nagase.

Più di 500 comuni si sono iscritti per ospitare atleti e funzionari in un programma volto ad ampliare i vantaggi delle Olimpiadi, a parte Tokyo.

Alcuni, come Okuizumo, hanno già rinunciato ai piani per ospitare atleti stranieri, mentre altri stanno escogitando programmi accurati che sperano possano tenere tutti al sicuro.

Invece di dare ai residenti la possibilità di incontrare atleti d’élite e provare nuovi sport, le città dovranno abbandonare qualsiasi contatto fisico, visite scolastiche e sessioni di allenamento pubblico.

La città di Kurihara, nella prefettura di Miyagi settentrionale, stava progettando di ospitare la squadra di hockey sudafricana, ma ha deciso che la spesa non valeva più la pena date le limitazioni imposte dagli organi di sicurezza.

“È un progetto che utilizzerà le nostre risorse fiscali”, ha detto ad AFP Hidenori Sasaki, un funzionario del consiglio locale per l’istruzione.

“Se diventano solo atleti che si allenano senza la possibilità di scambi con i residenti locali, i cittadini non ne godranno dei benefici”.

In alcuni casi le squadre olimpiche hanno cancellato le loro prenotazioni, preoccupate per il rischio che correvano prima di partecipare ai Giochi.

La squadra di nuoto australiana ha abbandonato il suo piano di allenarsi nella città di Nagaoka di Niigata, ha detto il suo sindaco ai media a marzo.

E la squadra canadese di tennis da tavolo non andrà più nella città di Okaya di Nagano, che invece prevede di mettere poster di atleti in giro per la città, ha detto Tomoko Hirose della divisione urbanistica della città.

Contatto limitato

Non tutte le città ospitanti hanno rinunciato ai loro piani però. La città di Tsuruoka ospiterà diverse dozzine di atleti e funzionari olimpici e paralimpici provenienti dalla Moldavia e dalla Germania.

La città ha legami da anni con la Moldova, ha detto Takayuki Ito, un funzionario del consiglio di istruzione della città. “Quello che è importante per noi è continuare i nostri scambi”, ha detto Ito all’AFP, descrivendo le recenti gare di tiro con l’arco online tenutesi con i moldavi.

“Ci sono cose che puoi fare senza spendere un sacco di soldi”, ha detto Ito. “Abbiamo un buon feeling con il nostro programma”.

Ma non sarà semplice. Gli atleti rimarranno nel proprio dormitorio e si sposteranno solo lungo percorsi designati verso palestre e campi di allenamento, evitando il contatto con i residenti.

Argomenti:

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127