EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Luino | 17 Aprile 2021

Lido di Luino: oltre alla riqualifica dell’edificio, al lavoro per trovare fondi per le piscine

A riferirlo è il sindaco Enrico Bianchi. Il progetto (1,1 mln €) è partito da lontano: l'ex amministrazione Pellicini aveva aperto un mutuo per riqualificare l'area

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Sono ormai nella loro fase cruciali i lavori per la rinascita della struttura dell’ex Lido di Luino, progetto che ha preso il via nel luglio 2020, quando ancora era in carica l’amministrazione guidata dall’allora sindaco Andrea Pellicini, per un investimento totale di  1,170 milioni di euro.

Se l’opera legata al recupero e alla riqualificazione della struttura che una volta ospitava la discoteca è stata ormai definita con il primo lotto di intervento, è diverso invece il discorso per quanto concerne la sistemazione delle due piscine in riva al lago, inserite nel secondo lotto dell’intero disegno progettuale.

L’amministrazione, come tutti i luinesi e le tante persone che negli scorsi decenni affollavano le piscine, ha a cuore la loro qualifica. “Sarebbe una follia – ha detto negli scorsi giorni il sindaco Enrico Bianchi a Prealpina -, pensare di lasciare un’opera pubblica che pagano i cittadini anche con le loro tasse così, a metà e inutilizzabile”.

Il problema, però, è che il Covid-19 ha causato difficoltà nella vita delle amministrazioni comunali, soprattutto nel settore sociale, dove sono tante le famiglie che faticano ad arrivare a fine mese. Per questo, infatti, sono numerose le risorse stanziate per aiutare concretamente questi cittadini.

Al momento la priorità della giunta guidata da Bianchi è quella di operare in questo modo, senza dimenticare però il recupero delle piscine, che probabilmente sarà studiato cercando di reperire fondi tramite bandi ed altri canali. “Ricordo – conclude Bianchi sempre su Prealpina -, che ci sarà da arredare e dare un contenuto anche all’edificio in restauro. Insieme a questo dovremo stabilire cosa dovrà esserci in quel luogo (bar, ristorante locale per giovani o altro, ndr), dibattito che sarà piacevole fare coinvolgendo la città, le associazioni, il mondo dell’impresa che lavora a stretto contatto con i servizi del lago. Ognuno potrà fornire suggerimenti utili”.

L’amministrazione Pellicini, in alcune circostanze, a più riprese, aveva annunciato di voler realizzare un intero lungolago nel centro della città, dalle Serenelle fino all’ex campo sportivo Lido, con un collegamento pedonale sul fiume Tresa che permettesse di arrivare al Parco Boschetto di Germignaga. Sarà da capire in che modo il primo cittadino Bianchi e i suoi assessori seguiranno questa idea e in che modo si inserirà in questo contesto non solo la vasta ex area Ratti, ma anche il Lido di Luino.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127