EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Milano | 12 Marzo 2021

Cugliate, spaccio nei boschi: confermate in Appello le condanne per i selfie con le armi

Nessuno sconto per i due giovani pusher marocchini, determinante quanto rilevato dai carabinieri durante le indagini: "Almeno una delle pistole esibite era vera"

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

Nessuno sconto per i due spacciatori marocchini, rispettivamente di ventuno e trentuno anni, condannati a fine gennaio dello scorso anno per porto abusivo di armi, accusa maturata a seguito delle indagini sull’incendio scoppiato il 30 dicembre 2018 nei boschi tra Montegrino e Cugliate.

Le condanne a un anno e quattro mesi e a un anno e dieci mesi di reclusione sono state confermate dalla Corte d’Appello di Milano, come riporta il quotidiano La Prealpina, nonostante la richiesta di assoluzione per mancanza di indizi certi avanzata dal sostituto procuratore Maria Vulpio.

L’assenza di prove circa la vera natura delle armi – nello specifico due pistole calibro 635 e 765 – ha orientato la posizione del magistrato e dei legali difensori dei giovani pusher, che erano stati incastrati da alcune foto contenute in un cellulare ritrovato sul luogo del rogo, durante le indagini condotte dai carabinieri di Luino.

Anche in appello, dunque, ha inciso sulla sentenza di condanna quanto dichiarato dal maresciallo sentito come testimone durante il processo di primo grado: “Almeno una delle armi esibite negli scatti dai due spacciatori era sicuramente vera“.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127