Laveno Mombello | 9 Settembre 2020

Laveno Mombello: “Il domani inizia oggi”, l’intervista al candidato sindaco Andrea Trezzi

La lista, sostenuta da Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia, sta incontrando in questi giorni cittadini e realtà sociali. "Il nostro progetto una valida alternativa"

Tempo medio di lettura: 4 minuti

Dopo l’intervista al candidato sindaco della lista “Civitas”, Luca Santagostino, prosegue il viaggio tra tutti i gruppi che sono in lizza per le elezioni comunali di Laveno Mombello. Oggi è la volta di Andrea Trezzi, per la lista “Il domani inizia oggi“, che ha l’appoggio di tutto il centrodestra, con Fratelli d’Italia, Forza Italia e Lega al suo fianco.

Trezzi, oltre agli incontri di questi giorni nei quali si sta confrontando con cittadini e realtà locali, ha elaborato un programma nel quale ha inserito tutte le priorità che il proprio gruppo ha ritenuto indispensabili per il futuro del paese lacustre, con un’attenzione particolare a turismo e alla quotidianità.

Nei prossimi giorni, invece, saranno intervistati anche gli altri due candidati, vale a dire la vicesindaco uscente Paola Bevilacqua, per la lista di “Centrosinistra” e il consigliere comunale di minoranza uscente, Giancarlo De Bernardi, che guida “Idea Lista”.

Ecco l’intervista al candidato sindaco Andrea Trezzi, a capo della lista “Il domani inizia oggi – Trezzi sindaco con il centrodestra e indipendenti”.

Come mai ha deciso di candidarsi a sindaco di Laveno Mombello, dopo l’esperienza amministrativa che ha compiuto suo papà?

L’esperienza di mio papà non la considero, quando lui era sindaco non ho mai avuto tempo di seguirlo e ne parlavamo poco, non portava mai a casa i problemi di lavoro. Il motivo per cui mi sono messo in gioco è facile: con tutta sincerità io sono un cerrese e abbiamo un territorio rivierasco bellissimo, così come lo sono la collina residenziale e le montagne, mai valorizzate a dovere. Non dico in decadimento, ma senza la cura appropriata. Tutto questo mi ha sempre lasciato perplesso in questi anni. Così, quando mi è stato chiesto di candidarmi, ho deciso di impegnarmi, di trovare un’alternativa valida e fare in modo di cambiare qualcosa.

Com’è nata la lista “Il domani inizia oggi – Trezzi sindaco con il centrodestra e indipendenti”, che ha il sostegno di Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia?

Tutto è nato tra Lega Forza Italia e Fratelli d’Italia, che hanno deciso di inserire e coinvolgere persone diciamo giovani. Siamo tutti giovani e quasi tutti alle prime armi. L’obiettivo era quello di creare un progetto di cambiamento, mettendo dentro persone con un certo grado culturale, ma comunque nuovi alla politica. Me compreso, io non un politico nato. Io sono un tecnico oleodinamico, un project manager con una visione più quadrata, chiusa e organizzata. La mentalità questa, tutto deve tornare.

Quali sono le problematiche e le criticità che, insieme alla sua squadra, avete riscontrato elaborando il programma elettorale? 

In primis ci è stato evidenziato la richiesta unanime di sviluppare il turismo. Ovviamente per un paese come Laveno Mombello deve essere necessariamente la priorità. Buona parte dei commercianti, infatti, vivono con e di turismo. Sono tante, poi, le richieste di organizzare manifestazioni da parte delle associazioni sportive. Mi trovano d’accordissimo, per sei anni ho ricoperto il ruolo presidente della Canottieri Cerro Sportiva, capisco le loro problematiche. È fondamentale per il nostro futuro.

Quali le priorità che andrete ad affrontare una volta eletti. In che modo?

Senza dubbi abbiamo delle priorità. Una è la sicurezza, uno dei punti su cui stiamo maggiormente, e l’altro è lo sviluppo. Per poter far partire il turismo, come dicevo prima, bisogna chiaramente porre le giusta fondamenta. Non si possono far partire delle manifestazioni senza aver creato una base nella quale il paese possa accogliere gli eventi. Ad esempio bisogna migliorare la sicurezza stradale, il decoro urbano e rendere paese attrattivo. Da qua parte turismo occasionale, anche dalla manutenzione quotidiana delle aree di nostra competenza. Si tratta di cose semplici, ma che sono subito sotto gli occhi di tutti.

AlpTransit è un’opera che andrà a rivoluzionare interamente urbanisticamente la città. Quale idea vi siete fatti del progetto?

Purtroppo è un progetto nel quale non ci si può mettere mano, è ormai quasi tutto definitivo. Per questo è difficile fare una valutazione, ma sono ancora entrato a fondo del progetto essendo una cosa definita. I giochi sono fatti, esiste questo progetto e da lì non si può far nulla. Sicuramente proveremo a modificare qualcosa nel futuro. Stiamo pensando a cose diverse, ma non sono in grado di darle un’opinione più approfondita in questo momento. Sono convinto che a Laveno Mombello ci siano altre priorità più importanti.

E sullo sviluppo del turismo?

Prevediamo la realizzazione di un’adeguata area camper per migliorare il turismo cosiddetto “mordi e fuggi”, senza dimenticare la riqualificazione di tutto quello che riguarda il territorio. Vogliamo rendere il paese attrattivo, a Laveno come a Cerro. Si tratta di due posti fantastici, abbiamo questa fortuna, ma dobbiamo intervenire per riqualificare entrambi i lungolago. Sono tanti i lavori da fare, ma è chiaro che è necessario lavorare strenuamente. Non sarà semplice, ma siamo pronti.

Un altro argomento da campagna elettorale è senza dubbio il coinvolgimento dei giovani, rendendoli così protagonisti della loro quotidianità e di eventi o iniziative dedicate a loro. Avete in mente qualcosa?

Qualcosina sì, ma a livello di programma al momento non abbiamo considerato in questo momento, soprattutto per il coinvolgimento dei ragazzi e delle ragazze a livello amministrativo. Questo non vuol dire che non li ascolteremo, è un aspetto da studiare e pensare bene. Mi piace essere concreto. Non sono qua a raccontare argomenti a caso, possono o non possono essere Il nostro impegno politico va sicuramente in questa direzione, vorremmo fare aree sportive o incentivare attività.

Cosa pensa delle altre liste che concorrono con voi per amministrare Laveno Mombello?

Una parte di persone che sono nelle varie liste le conosco personalmente, con qualcuna di queste condivido anche la mia vita da cittadino. Si tratta di uomini e donne bravissime e normali. A livello dei programmi elettorali, invece, non amo parlare di quelli degli altri: trovo scorretto discutere o polemizzare sulle idee delle altre liste, vorrebbe dire non avere niente da dire della mia, anche se buona parte dei punti sono abbastanza comuni.

Come immagina Laveno fra cinque anni?

Se riesco a chiudere tutti i vari punti previsti sarei veramente felice, ma sarà necessario anche inserirne altri. Penso che non ci sia nulla di male a prendere spunto da idee che non arrivano dalla mia lista. Se si tratta di proposte valide per il paese saranno sviluppate, non vedo motivo per non prenderle in esame. Sarà difficile mantenere tutte le promesse, e caratterialmente non amo parlare senza cognizione di causa. L’unica cosa per la quale mi impegnerò tanto sarà quella di avere un paese migliore rispetto a quello attuale.

Per ulteriori informazioni sulla lista “Il domani inizia oggi – Trezzi sindaco” consultare la Pagina Facebook.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127